Poesie di William Blake

Poeta e pittore, nato lunedì 28 novembre 1757 a Londra (Regno Unito), morto domenica 12 agosto 1827 a Londra (Regno Unito)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Scritta da: Gabriella Stigliano

L'angelo

Sognai un sogno! Che vorrà mai dire?
Regina ero, e vergine,
guardata da un buon angelo:
pena senza perché mai non s'inganna!

Piangevo notte e giorno le mie lacrime,
e lui me le asciugava;
giorno e notte piangevo
celandogli la gioia del mio cuore.

Così sulle sue ali volò via;
il mattino arrossì;
io il pianto mi asciugai,
e i miei timori armai di scudi e lance.

Egli presto tornò: mai mi ero armata,
così che tornò invano;
gioventù era passata,
e grigie chiome stavan sul mio capo.
William Blake
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Gabriella Stigliano

    Il giardino d'amore

    Nel giardino d'amore un giorno entrai,
    e vidi cosa mai veduta prima:
    una cappella eretta proprio al centro
    del prato ove ero solito giocare.

    Essa aveva cancelli ben sprangati,
    "tu non devi", era scritto sulla soglia;
    io al giardino d'amore mi rivolsi,
    che tanti fiori aveva generato;

    io lo vidi di tombe tutto ingombro,
    ed al posto dei fiori v'eran lapidi;
    e preti neri intorno, ad imbrogliare
    tra spini i miei piaceri e desideri.
    William Blake
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Valentina

      The Chimney Sweeper - Lo sazzacamino

      And because I am happy and dance and sing,
      they think they done me no injury,
      and are gone to praise God and his Priest and King,
      who make up a heaven of our misery.

      E siccome in lietezza ballo e canto,
      ignoran che m'han fatto tanto male, e stanno a pregar Dio, i Preti, e il Re,
      che un paradiso fan di nostre pene.
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di