Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Silvana Stremiz

Il ponte Mirabeau

Sotto il ponte Mirabeau scorre la Senna
E i nostri amori
Me lo devo ricordare
La gioia veniva sempre dopo il dolore
Venga la notte suoni l'ora
I giorni se ne vanno io rimango

Le mani nelle mani faccia a faccia restiamo
Mentre sotto
Il ponte delle nostre braccia passa
L'onda stanca degli eterni sguardi
Venga la notte suoni l'ora
I giorni se ne vanno io rimango

L'amore se ne va come quest'acqua corrente
L'amore se ne va
Com'è lenta la vita
E come la Speranza è violenta
Venga la notte suoni l'ora
I giorni se ne vanno io rimango

Passano i giorni e passano le settimane
Né il tempo passato
Né gli amori ritornano
Sotto il ponte Mirabeau scorre la Senna
Venga la notte suoni l'ora
I giorni se ne vanno io rimango.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    I colchici

    Il prato è velenoso ma bello in autunno
    Le mucche pascolandovi
    Lente vi s'avvelenano
    Vi fiorisce colore d'occhiaia e di lillà
    Il colchico I tuoi occhi sono come quel fiore
    Violastri come il livido che li cerchia e l'autunno
    E lenta la mia vita per loro s'avvelena

    Arrivano fracassoni da scuola i ragazzini
    Incasaccati di panno e suonando l'armonica
    Colgono le freddoline che sono come madri
    Figlie delle loro figlie e color delle palpebre
    Che batti come i fiori batte il vento demente

    Il mandriano canta dolcissimamente
    Mentre per sempre il prato mal fiorito da autunno
    Abbandonan muggendo le mucche lentamente.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      Notte renana

      M'empie il bicchiere un vino che ha tremori di fiamma
      Udite la canzone lenta d'un battelliere
      Dice di sette donne viste sotto la luna
      Torcersi i capelli verdi e lunghi fino ai piedi

      Alzatevi e in girotondo cantate più forte
      Ch'io più non senta il canto di quel battelliere
      E mettetemi accanto tutte le ragazze bionde
      Col loro sguardo fisso le loro trecce ritorte

      Il Reno s'ubriaca il Reno specchio alle vigne
      Vi cadono a riflettervisi tremando gli ori notturni
      La voce canta sempre da rantolomorirne
      Le fate in verdi chiome che incantano l'estate

      Il bicchiere ha lo schianto d'un romper di risate.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz

        Hotels

        La camera è sola
        Ognuno per sé
        Presenza nuova
        Si paga a mese

        Il padrone dubita
        Pagheranno
        Giro per strada
        Come una trottola

        Il rumore delle carrozze
        Il mio brutto vicino
        Che fuma un acre
        Tabacco inglese

        O La Vallière
        Che zoppica e ride
        Delle mie preghiere
        Tavolo da notte

        E tutti insieme
        In questo hotel
        Sappiamo la lingua
        Come a Babele

        Serriamo le porte
        A doppia mandata
        Ognuno porta
        Il suo solo amore.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Silvana Stremiz
          Amica mia penso a te
          Al tuo color di sole alla tua grazia
          La casa è vuota da quando il mio raggio di sole
          È andato a tuffarsi in mare
          Se vedi i sommergibili
          Dì loro che t'amo
          Se le nubi s'addensano
          Dì loro che t'adoro
          Se la mareggiata infuria sugli scogli della riva
          Dì agli scogli che sei la mia pietra preziosa
          Se qualche granello di sabbia brilla tra i mille granelli
          di sabbia della spiaggia
          Digli che sei la sola gemma che amo
          Quando vedrai il postino
          Digli con quanta impazienza aspetto le tue lettere
          Ti mando mille baci mille carezze
          Che ti raggiungeranno come le parole raggiungono
          l'antenna del telegrafo senza fili
          Se vedi dei feriti
          Digli che la mia sola ferita è quella che hai inferto
          al mio cuore
          Se a volte pensi pensa che il mio pensiero è sempre
          con te
          E che t'adoro.
          Vota la poesia: Commenta