Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Valerio Agostino Baron (el Brigante)

Cuoco e poeta, nato mercoledì 2 gennaio 1952 a Bassano del Grappa (VI) (Italia), morto lunedì 13 luglio 2015 (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo e in Frasi per ogni occasione.

Papa "Francesco"

Bergoglio, che ben che te vojo!
Anca da qua semo vegnui la in Argentina,
e da la semo tornai ancora qua!
'na man vien data
a chi che voe jutarse par jutare,
za te ghe fato do passi da gigante
in do giorni che ti si la!
Jente da gnente vegnua par l'oro, ze vissua,
desso ze ora che l'oro serva par i pì poareti...
par poder magnar e laorar
e no' par farse veder co' l'oro e i brianti...
semo tuti gran "Briganti".
"Francesco" sapa come ga sapà ju!

Papa "Francesco": Bergoglio, che bene che ti voglio! / Anche da qui (Italia) siamo venuti in Argentina, / e da li siamo ritornati! / Una mano viene data / a chi desidera aiutarsi per aiutare, / già hai fatto passi da gigante / in due giorni che sei Papa! / Gente da nulla venuta e per l'oro, vissuta, / ora è arrivato il momento che l'oro serva ai poveri... / per mangiare e poter lavorare / e non solamente a farsi vedere ricoperti con ori e brillanti... / siamo tutti dei grandi "Briganti". / "Francesco" rifai i suoi passi!
Composta domenica 17 marzo 2013
Vota la poesia: Commenta

    Mare

    Il ricordo del mio mare
    lo porto nel cuore.
    Grande distesa d'acqua
    l'occhio scruta, non vedo la fine,
    solo la linea dell'orizzonte.
    Sale lieve il nuovo giorno
    il sole fa capolino
    i suoi raggi fendono le tenebre,
    dopo poco,
    un grosso globo infuocato si alza
    riflettendosi nell'acqua.
    Riporta il calore, la vita,
    tutto intorno riprendono i colori
    rimasti nell'oscurità per tutta la notte.
    Ritorna la voglia del fare
    ritorna la voglia d'amare.
    Composta lunedì 5 aprile 2010
    Vota la poesia: Commenta

      El primo dì de càcia

      Va i càciatori contenti col s'ciopo in spaea,
      pieni de speranse, colmi de ricordi
      co'a voja de tirar co'l s'ciopo.
      Xe el primo dì de càcia,
      co i cani tacai, ben alineai,
      tuti bei come caporai,
      i se posta, dopo tanto caminare,
      drio a un pajaro o a un figaro,
      spetando 'na séegheta
      che salte fora dal gnaro.
      Altri in meso al bosco,
      sperando a un conijo o al cinghial,
      i se cata in diese a sparar.
      Quando 'na fronda i vede dondoear
      "oh - oh mati ghe son mi drio a ca... r",
      ghe vien de mato a sacramentar.
      No' contenti, de 'sto fato,
      i ghe scapa da soto i oci,
      un bel gevro co' tuta a so fameja,
      a catarse posti mejo,
      cori... cori staghe drio
      a forsa de engua fora,
      ga tirà sera a 'sta ora.
      Torna a casa Toni sensa gnente
      torno a toea cata a so jente.
      Composta sabato 15 gennaio 2011
      Vota la poesia: Commenta

        El me posto "Pragojn"

        Davanti al me prà
        el falco in vòeo va
        daea termica in alto portà,
        me fondo in ju
        e vòeo co e so àe slargae,
        sensa fadiga vago su
        in alto senpre de pì
        e da la me buto in tondo
        senpre pì in largo
        vardando co i me oci
        verso el pian.
        Vardo el posto dove son partio
        vedo el bosco ben nutrio
        vardo do caprioi che magna sul prà,
        me slargo verso e crode
        me se presenta timide e bée
        un s'ciapo de canpanée,
        pì in la 'na stea alpina, bianca,
        come e nuvoe che son drio
        'ndarghe rento.
        Sàeudi...

        Composta lunedì 10 gennaio 2011
        Vota la poesia: Commenta

          Acqua

          L'acqua è un bene primario
          certo non secondario,
          la Natura c'è l'ha donata
          è da noi ringraziata,
          si spera che non sia in esaurimento
          pensando che serve al nostro sostentamento.
          Tutto è stato pensato
          e poi creato,
          la pioggia che dal cielo cade lenta
          nelle rocce entra
          da loro filtrata
          per essere nuovamente donata.
          Composta giovedì 20 gennaio 2011
          Vota la poesia: Commenta