Scritta da: Silvana Stremiz

Principio del paradiso perduto

Dell'uom la prima inobbedienza e il frutto
Dell'arbore vietata, onde l'assaggio
Diede noi tutti a morte e all'infinite
Miserie, lungo dal perduto Edenne,
Finché l'uomo divino alle beate
Perdute sedi redentor ne assunse,
Canta, o Musa celeste! E tu in Orebbo,
E tu del Sinai sul secreto giro
Già spiravi il pastori che...
Ugo Foscolo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    Il mio tempo

    ODE.

    Chi medita fra 'l tacito
    Saggio orrore di grotte,
    E di Giob su le pagine
    Tragge vigile nette,
    E chi in ribrezzo fugge
    Donde la colpa rugge?

         Guai guai! d'ira e giustizia
    Il Lione passeggia,
    Le zampe e i labbri insanguina
    Entro splendida reggia, 10
    E all'universo folle
    Un regicidio estolle.

         Tutto imperversa: ingemina
    Il nitrir de' cavalli,
    Mentre fra bronzi orrisoni
    Rimbombano i timballi,
    E infuriata guerra
    Cittadi sfianca e atterra

         Ma qual candida Vergine
    In puro ammanto ascosa
    Fra gli orrori dell'eremo
    In grembo a Dio riposa,
    E il volto ingenuo copre
    Rimpetto a orribil opre!

         Vien meco, o Eletta, a piangere
    Il soqquadrato mondo,
    Ch'ode gli eterei fulmini,
    E corre furibondo
    A trar suoi giorni eterni
    Ne' spalancati averni:

         Vieni; e stringendo in lagrime
    L'insanguinata Croce,
    A Dio manda fra 'l gemito
    Pietosa innocua voce,
    Mentr'io per l'erbe intanto
    Di terror spargo un canto.

         Vedilo! È Dio che l'aere
    Sol con un braccio occupa,
    Ed accigliato spazia
    Entro tuonante e cupa
    Carca di piaghe nube,
    Mentre ai fulmini jube.

         Forse avverrà che al flebile
    Suono di tue parole
    A noi s'apra più splendido
    Di sua pietade il sole,
    E dall'olimpio trono
    Spanda mite perdono.

         Già di sterminio l'Angelo
    Su Morte accavalcato
    Punìa dell'empia Ninive
    Il delitto ostinato;
    Già vibrava furente
    Su lei brando rovete;

         Ma al suol sparsa di cenere
    Penitenza prostrosse,
    E squallida di Jehova
    L'augusta ira rimosse,
    Ed arrestò la mano
    Al feritor sovrano.
    Ugo Foscolo
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di