Scritta da: Elisabetta

Er ministro novo

Guardelo quant'è bello! Dar saluto
pare che sia una vittima e che dica:
- Io veramente nun ciambivo mica;
è stato proprio el Re che l'ha voluto! -

Che faccia tosta, Dio lo benedica!
Mó dà la corpa ar Re, ma s'è saputo
quanto ha intrigato, quanto ha combattuto...
Je n'è costata poca de fatica!

Mó va gonfio, impettito, a panza avanti:
nun pare più, dar modo che cammina,
ch'ha dovuto inchinasse a tanti e tanti...

Inchini e inchini: ha fatto sempre un'arte!
Che novità sarà pe' quela schina
de sentisse piegà dall'antra parte!
Trilussa
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Elisabetta

    L'indovina de le carte1

    - Pe' fa' le carte quanto t'ho da dà?
    - Cinque lire. - Ecco qui; bada però
    che m'haio da di' la pura verità...
    - Nun dubbitate che ve la dirò.

    Voi ciavete un amico che ve vô
    imbrojà ne l'affari. - Nun pô sta
    perché l'affari adesso nu' li fo.
    - Vostra moje v'inganna. - Ma va' là!

    So' vedevo dar tempo der cuccù!
    - V'arimmojate. - E levete de qui!
    Ce so' cascato e nun ce casco più!

    - Vedo sur fante un certo nun so che...
    Ve so' state arubbate... - Oh questo sì:
    le cinque lire che t'ho dato a te.
    Trilussa
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Elisabetta

      Er pappagallo scappato

      Lei me chiamò e me fece: - sarvatore,
      er pappagallo jeri scappò via
      perché nù richiudeste er coridore;
      eccheve er mese, e fôr de casa mia. -

      te pare carità, te pare core,
      pè 'na bestiaccia fà 'sta bojeria,
      mette in mezz'a 'na strada 'n servitore
      che deve portà er pane a la famîa?...

      ma io so tutto: er fatto der tenente,
      le visite a firenze ar maresciallo,
      la balia a nemi... e nun ho detto gnente.

      Per cui stia attenta a lei, preghi er sù Dio,
      ché se me caccia via p'en pappagallo
      vedrà che pappagallo che sò io!
      Trilussa
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz

        Il principe rivoluzionario

        "Parla il cameriere"
        Quando tiene i discorsi, è vero,
        è rivoluzionario, lo ammetto:
        ma quando non parla cambia aspetto,
        diventa di tutt'altro umore.

        È a casa che avviene il cambiamento:
        povero me, se manco di rispetto!
        O se nel dargli un foglio non lo metto
        come vuole lui, nel vassoio d'argento!

        Ti basti questo: quando va in campagna
        a tenere le conferenze nei comizi
        sua moglie la chiama: la compagna.
        La compagna? Benissimo: ma allora
        perché con le persone di servizio
        continua a chiamarla: la mia signora?
        Trilussa
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di