Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Silvana Stremiz

La paura

So' coraggioso e forte!
- disse un cavallo ar Mulo - e vado ar campo
pieno de fede, sverto come un lampo,
tutto contento de sfidà la morte!
Se arriva quarche palla che m'amazza
sacrifico la vita volentieri
pè la conservazione de la razza.
- capisco, - disse er Mulo -
ma, su per giù, pur'io
che davanti ar pericolo rinculo,
nun conservo la razza a modo mio?
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    A chi tanto e a chi gnente!

    Da quanno che dà segni de pazzia,
    povero Meo! Fa pena! È diventato
    pallido, secco secco, allampanato,
    robba che se lo vedi scappi via!
    Er dottore m'ha detto: - È 'na mania
    che nun se pô guarì: lui s'è affissato
    d'esse un poeta, d'esse un letterato,
    ch'è la cosa più peggio che ce sia! -
    Dice ch'er gran talento è stato quello
    che j'ha scombussolato un po' la mente
    pè via de lo sviluppo der cervello...
    Povero Meo! Se invece d'esse matto
    fosse rimasto scemo solamente,
    chi sa che nome se sarebbe fatto!
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      La poesia

      Appena se ne va l'urtima stella
      e diventa più pallida la luna
      c'è un Merlo che me becca una per una
      tutte le rose de la finestrella:
      s'agguatta fra li rami de la pianta,
      sgrulla la guazza, s'arinfresca e canta.

      L'antra matina scesi giù dar letto
      cò l'idea de vedello da vicino,
      e er Merlo furbo che capì el latino
      spalancò l'ale e se n'annò sur tetto.
      -- Scemo! -- je dissi -- Nun t'acchiappo mica... --
      E je buttai dù pezzi de mollica.

      -- Nun è -- rispose er Merlo -- che nun ciabbia
      fiducia in te, ché invece me ne fido:
      lo so che nu m'infili in uno spido,
      lo so che nun me chiudi in una gabbia:
      ma sei poeta, e la paura mia
      è che me schiaffi in una poesia.

      È un pezzo che ce scocci cò li trilli!
      Per te, l'ucelli, fanno solo questo:
      chiucchiù, ciccì, pipì... Te pare onesto
      de facce fa la parte d'imbecilli
      senza capì nemmanco una parola
      de quello che ce sorte da la gola?

      Nove vorte su dieci er cinguettio
      che te consola e t'arillegra er core
      nun è pè gnente er canto de l'amore
      o l'inno ar sole, o la preghiera a Dio:
      ma solamente la soddisfazzione
      d'avè fatto una bona diggestione.
      Vota la poesia: Commenta