Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Silvana Stremiz

Er leone riconoscente

Ner deserto dell'Africa, un Leone
che j' era entrato un ago drento ar piede,
chiamò un Tenente pè l'operazzione.
- Bravo! - je disse doppo - lo t'aringrazzio:
vedrai che sarò riconoscente
d'avemme libberato da ' sto strazio;
qual è er pensiere tuo? D'esse promosso?
Embè, s'io posso te darò ' na mano... -
E in quella notte istessa
mantenne la promessa
più mejo d'un cristiano;
ritornò dar Tenente e disse: - Amico,
la promozzione é certa, e te lo dico
perché me sò magnato er Capitano.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Elisabetta

    Questione di pelle

    -Che cane buffo! E dove l' hai trovato? -
    Er vecchio me rispose: - é brutto assai,
    ma nun me lascia mai: s' é affezzionato.
    L' unica compagnia che m' é rimasta,
    fra tanti amichi, é ' sto lupetto nero:
    nun é de razza, é vero,
    ma m' é fedele e basta.
    Io nun faccio questioni de colore:
    l' azzioni bone e belle
    vengheno su dar core
    sotto qualunque pelle.
    Composta sabato 4 dicembre 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Elisabetta

      L'orloggio cór cuccù

      È un orloggio de legno
      fatto con un congegno
      ch'ogni mezz'ora s'apre uno sportello
      e s'affaccia un ucello a fa' cuccù.
      Lo tengo da trent'anni a capo al letto
      e m'aricordo che da regazzetto
      me divertiva come un giocarello.
      M'incantavo a guardallo e avrei voluto
      che l'ucelletto che faceva er verso
      fosse scappato fòra ogni minuto...
      Povero tempo perso!
      Ogni tanto trovavo la magnera
      de faje fa' cuccù per conto mio,
      perché spesso ero io
      che giravo la sfera,
      e allora li cuccù
      nun finiveno più.

      Mó l'orloggio cammina come allora:
      ma, quanno vede lo sportello aperto
      co' l'ucelletto che me dice l'ora,
      nun me diverto più, nun me diverto...
      Anzi me scoccia, e pare che me dia
      un'impressione de malinconia...
      E puro lui, der resto,
      nun cià più la medesima allegria:
      lavora quasi a stento,
      o sorte troppo tardi e troppo presto
      o resta mezzo fòra e mezzo drento:
      e quer cuccù che me pareva un canto
      oggi ne fa l'effetto d'un lamento.
      Pare che dica: - Ar monno tutto passa,
      tutto se logra, tutto se sconquassa:
      se suda, se fatica,
      se pena tanto, eppoi...
      Cuccù, salute a noi!
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Elisabetta

        Parla Maria, la serva...

        Pe' cento lire ar mese che me dànno
        io je lavo, je stiro, je cucino,
        e scopo, e spiccio, e sporvero, e strufino
        che quanno ch'è la sera ciò l'affanno.

        Poi c'è er pranzo, le feste, er comprianno,
        e allora me ce scappa er contentino
        che m'ho da mette pure er zinallino
        p'aprì la porta a quelli che ce vanno!

        E avressi da sentì che pretenzione!
        Co' 'na libbra de carne, hai da rifrette
        che ciò da fa' magnà sette persone!

        Sai che dice er portiere? Ch'è un prodiggio!
        Perché pe' contentalli tutti e sette
        bisogna fa' li giochi de prestiggio!


        II

        Pe' cacciaje un centesimo, so' guai!
        Com'è tirata lei, se tu la senti!
        Dice: - Tre sòrdi un broccolo? Accidenti!
        Dodici la vitella? È cara assai! -

        Ma l'antro giorno che ce liticai
        je l'ho cantata senza comprimenti;
        dico: - Che cià in saccoccia? li serpenti?
        Gente più pirchia nu' l'ho vista mai!

        Lei, dico, m'arifila li quatrini
        solo sur da magnà, ma spenne e spanne
        p'annà vestita in chicchere e piattini:

        se mette le camice smerlettate,
        s'infila li nastrini e le mutanne
        e strilla pe' du' sòrdi de patate!


        III

        Tu me dirai: - Va bè, ma che t'importa?
        Armeno magni, dormi e stai benone...-
        Eh, fija! Si tu stassi in un cartone
        diressi che sto bene quarche vorta!

        Dormo in un sottoscala senza porta,
        e, quanno ch'è la sera, quer boccone
        nemmanco me va giù! Me s'arimpone!
        che vôi magnà! Me sento stracca morta!

        Questo sarebbe gnente! Cianno un core
        che, doppo che me strazzio tutto l'anno,
        nun vonno che me metta a fa' l'amore!

        Dice: - La serva la volemo onesta...-
        Eh già! Pe' cento lire che me dànno!
        Povera me! Ce mancherebbe questa!
        Vota la poesia: Commenta