Scritta da: Elisabetta

In pizzo ar1 tetto

In cima in cima ar tetto, indove vanno
a facce er nido tante rondinelle,
ce so' du' finestrelle, tutto l'anno
incorniciate da le campanelle.

In mezzo a ognuna de 'ste finestrelle,
tra li vasi de fiori che ce stanno,
c'è 'na furcina co' le cordicelle
dove c'è sempre steso quarche panno.

Prima, da 'ste finestre sott'ar tetto,
Nina cantava: Me so' innammorata...
mentre stenneva quarche fazzoletto.

Ma mó ha cambiato musica e parole;
adesso canta: Ah, tu che m'hai lassata!...
E stenne fasciatori e bavarole.
Trilussa
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    A chi tanto e a chi gnente!

    Da quanno che dà segni de pazzia,
    povero Meo! Fa pena! È diventato
    pallido, secco secco, allampanato,
    robba che se lo vedi scappi via!
    Er dottore m'ha detto: - È 'na mania
    che nun se pô guarì: lui s'è affissato
    d'esse un poeta, d'esse un letterato,
    ch'è la cosa più peggio che ce sia! -
    Dice ch'er gran talento è stato quello
    che j'ha scombussolato un po' la mente
    pè via de lo sviluppo der cervello...
    Povero Meo! Se invece d'esse matto
    fosse rimasto scemo solamente,
    chi sa che nome se sarebbe fatto!
    Trilussa
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di