Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Stefano Medel

Dracul

Dall'alba del tempo,
ci fu un tempo,
in epoche dimenticate,
un sovrano crudele e spietato;
il suo nome era Vlad, l'impalatore,
e il suo ordine era quello del drago;
la sua forza e ferocia
erano inimmaginabili,
e le armate fuggivano al suo cospetto;
i turchi impararono a conoscerlo,
con un nome leggendaria,
Dracul,
che voleva dire diavolo;
e il suo popolo lo venerava e temeva nello stesso tempo,
dicendo che era dannato,
e costretto a bere sangue umano;
Dracul,
Dracul,
era il suo nome;
e portava il terrore,
nei cuori.
Composta lunedì 5 ottobre 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Stefano Medel

    Ricordi

    Ricordi o no,
    forse non ricordi più niente;
    di come stavamo bene insieme;
    giravamo,
    gironzolare per strada in macchina,
    mangiare un toast,
    camminare,
    o stare seduti vicini per un po';
    non ti ricordi più;
    adesso il telefono tace,
    e tu chissà dove sei,
    che fai;
    se solo capissi,
    se solo il tuo cuore
    imparasse ad ascoltare.
    Composta domenica 4 ottobre 2015
    Vota la poesia: Commenta