Scritta da: Stefano Medel

La pazzia di Erasmo

La pazzia di Erasmo,
ognuno di noi,
ha in se stesso,
un lato di pazzia e
di follia,
anche se spesso,
lo nascondiamo;
è necessario per vivere,
essere sempre in bilico,
tra follia e normalità,
e un po' di pazzia,
aiuta a tirare a vanti,
a sognare,
a staccare,
a non pensare troppo;
molte cose che realizziamo,
sono spesso frutto di pazzie,
di ribellioni,
colpi di testa,
di scelte contro tutto e tutti;
come dice Erasmo,
siamo spesso un po' pazzi,
e un po' savi, o tutte e due le cose,
messe insieme.
Stefano Medel
Composta martedì 8 dicembre 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Stefano Medel

    Igiene mentale

    Gironzolo per la città,
    che niente sa,
    e ancora meno capisce qualcosa di me;
    sanno solo darmi addosso,
    sono qua,
    il pazzoide,
    lo svitato,
    chi dice questo o quello,
    la gente sono solo tubi digerenti,
    sanno solo,
    mangiare,
    dormire, bere
    e fare un'altra cosa, se ci riescono.
    E gli tira ancora;
    noi dell'igiene mentale è così,
    non c'è verso,
    siamo sempre alla berlina,
    sempre screditati,
    coll'ombra del sospetto,
    qualunque cosa facciamo, e dobbiamo
    sforzarci il doppio,
    per ogni cosa, per dimostrare,
    non solo che sappiamo farla, ma
    che anche non è vero, che non abbiamo testa
    e che abbiamo i numeri;
    se sei dell'igiene mentale,
    sei bollato, per tutta la vita;
    e devi lottare a destra e a sinistra,
    per dimostrare,
    che vali
    qualcosa,
    e non sei solo un picchiatello,
    un toccato.
    Stefano Medel
    Composta giovedì 3 dicembre 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Stefano Medel

      Ribellione musicale

      Eli sta chiusa nel suo abbaino,
      e non parla con la gente;
      se anche parlasse,
      nessuno l’ascolterebbe,
      se anche lo facessero,
      nessuno
      poi la capirebbe;
      ed allora passa le giornate intere,
      ad ascoltare,
      le varie band musicale;
      da qualche tempo,
      c’è una musica nell’aria,
      c’è un vento nuovo,
      è la ribellione,
      è la contestazione
      a questo sistema,
      a questo mondo schifoso,
      ribellione,
      ancora ribellione,
      che ti dice,
      di mollare le menate,
      e di metterti  a lottare,
      anche s e ti sono tutti contro,
      e dormono tutti
      e hanno il cervello corto,
      e la massa,
      si accontenta sempre,
      e vive nella stupidità
      e l’ignoranza,
      e seguono il gregge,
      delle idee altrui,
      e delle mode dei potenti,
      che ci vogliono tutti deficienti
      e con pochi pensieri,come bestioline.
      Musica ribelle,
      ribellione,
      a tutto questo,
      me ne frego,
      e non seguo il carrozzone,
      sto fermo o vado via,
      e vivo la vita mia.
      Stefano Medel
      Composta martedì 1 dicembre 2015
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Stefano Medel

        Paese

        Paese,
        tra bricchi, fossi
        e colline;
        tra filari
        e capannoni,
        tra vecchio e nuovo;
        un po' provinciale,
        un po' bastardo,
        e fetente
        e anche irriverente;
        fatto di pettegolezzi,
        luoghi comuni,
        soliti discorsi
        da osteria;
        il calcio,
        le donne,
        i soldi;
        vita banale e
        lineare;
        a volte,
        vorresti andartene;
        ma sei affezionato
        ai posti,
        come i gatti.
        Paese un po'
        addormentato.
        Stefano Medel
        Composta lunedì 30 novembre 2015
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di