Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Silvana Stremiz

Nato martedì 12 luglio 1960 a Port Arthur (Canada)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Silvana Stremiz

Verrà la Pace

Verrà la pace
In quel giorno
che un bianco, un nero
si stringeranno la mano,

Quando i religiosi capiranno
che in nome di Dio
non c'e battaglia
ma solo pace.

Che esistono tanti colori
tanti cuori
ed una sola razza,
come disse Ghandi: "L'umanita".

Verrà la pace quando l'umanità
imparerà a parlare,
ed ascoltare con Il cuore.

Quando a guidarla
ci sarà una sola cosa "l'amore."
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    Finché l'uomo...

    Finché l'uomo proclamerà
    la pace puntando il fucile
    combattendo senza scrupoli.

    Guadando con gli occhi
    e ascoltando con le orecchie
    senza sentire il cuore.

    Finché a guidare l'umanità
    ci sarà ipocrisia e superficialità
    potere e troppa avidità.

    La pace sarà utopia,
    solo un sogno di miliardi di uomini
    spezzato dal egoismo quotidiano.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      Con Gli Occhi Della Verità

      Ora ti guardo con gli occhi della verità
      Vedo tutto senza false illusioni
      Ho preso il treno sbagliato
      ancora un viaggio nel ridicolo
      a farmi incantare da belle parole
      Regina per un attimo di mille illusioni.

      Com'è stupido il cuore
      ascolta sempre quello che vuole
      non vede né sente l'evidente
      Quando è in preda alla passione
      il nero appare bianco
      il mare è senza sale
      e il cielo senza nuvole
      anche quando piove.

      Ma poi...
      arriva sempre l'ora della verità
      si scatena come il vento della tempesta
      s'innalza l'onda col sapore del sale
      il bianco si tinge di nero
      e Dio quanto fa male mentre
      il cielo si riempie di nuvole
      e scende lentamente quella lacrima amara
      che si chiama consapevolezza.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz

        Parole

        Chissà per quanto tempo le parole
        sopravvivano una volta uscite
        dalla nostra bocca.

        Chissà dove atterreranno
        se consoleranno, o faranno del male.

        Se saranno una carezza
        o un pugno allo stomaco.

        Se scalderanno le notti
        a un'anima persa.

        O agiteranno l'anima
        di un amico ferito.

        Chissà se sono state spese bene,
        o se l'abbiamo spese male.

        Quanti figli della vita
        abbiamo consolato
        Quanti ne abbiamo feriti.

        Le parole escono dalla bocca
        e arrivano al cuore.

        Consolando ferendo
        a volte uccidendo
        oppure regalando un sogno.

        La parole sono un dono
        del uomo saggio,
        un'arma l'incosciente.

        Regalano sogni, pace e serenità
        Oppure tormento odio per l'eternità.
        Vota la poesia: Commenta