Scritta da: Pierluigi Camilli

Auguri de Natale

Quist'anno vojo favve l'auguri
'a na manera un po' particolare:
e vojo, arminu semo più sicuri,
falli pè tutti; prima in generale
eppò, se me reggete finu a funnu,
davveli a parte propiu unu a unu:
a chi conoscio'ngiru p'eu munnu;
a chi magna e chi stane a digiunu;
a mojoma e fijumi pè prima;
eppò ai parenti che voju ccettalli;
a l'amici vicini, quilli in cima;
a quilli de fojetta e de taralli;
ai conoscendi de un'aru crima
che non capiscio, ma pozzo usulalli!
Un Bon Natale viru e spassionatu,
senza gniciunu scòpo sicundariu,
a tutti quilli che ho nominatu.
Ma unu più sintitu e "passionariu"
A chi tribbula e ha sempre tribbulatu;
a chi pè rrivà a fine de giornata,
ce rriva tuttu quantu sderenatu
e fa fatica pè passà a nottata!
A chi ce crede e prega u Bambinellu
e porta'a croce già da picculittu;
a chi'nce crede e sprescia u cerevellu
pè capìne com'è che campà male
e pè campane ha da fa a crucchittu!
A tutti, propiu a tutti, bon natale!
Pierluigi Camilli
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Pierluigi Camilli

    È morto un omo

    È morto un Omo che valeva cento;
    un Omo che, scusate l'espressione,
    cià dimostrato chi fusse cojone!
    Un Omo de cultura e de talento
    che senza avè arzato mai la voce,
    sempre pacato, carmo e razionale,
    cià indicato indò sta er Bene e ir Male.
    E puro quanno è stato messo in croce
    e l'hanno messo fora dar contesto,
    da granne quale era, ha fatto pippa:
    s'è messo da parte, serio e onesto.
    Qualcuno có'sto caso ha fatto trippa!
    E mò ch'è morto, ognuno a grugno mesto,
    stì cani, fanno li Menenio Agrippa!
    Noi t'avemo amato, caro Enzo,
    a prescinde dar colore de le banne:
    semo sicuri ch'ognuno dice: "Penzo
    nessuno cormerà'sto voto granne!
    Pierluigi Camilli
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Pierluigi Camilli

      E che ce vò?

      E che ce vò a predicà ugajanza
      quanno nun ciai probblemi cò la panza?
      Quanno nun ciai probblemi cò lo spano,
      e predichi vestito da sovrano?
      Quanno p'organizzà'na conferenza,
      pè chi cià fame e sta nell'indigenza,
      addobbi e sciupi come a carnevale
      e chi stà male resta tale e quale?
      Insomma, pè sfamà ddù cristiani,
      famo arricchì cinquanta rafacani!
      Tutti quanri, a tutti'sti gran lussi,
      volete daje qua e là ddù smussi?
      E che ciarippresenta'sta manfrina?
      Cò l'addobbi comprate la farina!
      ...
      E che ce vò, vestiti de parati!
      Cò tanti palafrigneri e sordati,
      cò scorte azzurre, bande musicali,
      bandiere, gajardetti e cardinali!
      Oro zecchino sopra li piviali;
      addobbi e lussi pè li funerali;
      balli, coreografie, scene e canti,
      sia si so dannati oppure santi!
      'Sto lusso è ora che l'abbandonate:
      si sei frate, devi da fa er frate!
      Che serve fa richieste in pompa magna,
      pè fa magnà'gni tanto chi nun magna?
      Dovreste da sapello: ar padreterno,
      j'abbasta un fojetto de quaderno!

      Pierluigi.
      Pierluigi Camilli
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Pierluigi Camilli

        Er novo

        Pare che finarmente avemo trovo
        er toccasana, l'elisir de vita.
        Ma insin'adesso pare che de novo
        c'è 'r fatto che nun c'è Cracsi e De Mita!
        È un ber progresso, è vero, già 'sto fatto;
        ma tu me devi dì si che me vale,
        si quanno annamo a concordasse er patto,
        pè 'na portrona rifamo carnovale?
        E si ce litigamo lo sgabello,
        lo famo forse più pè simpatia
        che accaparrasse questo oppure quello?
        Avemio scacciato gente stantìa;
        personaggi da chiodi da cattello!
        E mo!? Ricominciamo er parapija...!
        Pierluigi Camilli
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Pierluigi Camilli

          Vorrei

          Vorrei
          come un tempo,
          scrivere poesie
          scorrevoli e dolci.
          Vorrei
          trovare le parole
          ma ho in testa un vespaio;
          la mia mente è uragano.
          Vorrei
          dire delle ingiustizie, delle brutture
          in un epoca come la nostra:
          dove tutto pare preciso;
          tutto giusto.
          Vorrei
          saper dire: "Sei per tre nove!",
          in quest'era di estrema precisione;
          di calcolo.
          Ma soprattutto vorrei poter dire:
          "Tieni, fratello, metà è tuo;
          l'altra metà è per me!"
          Pierluigi Camilli
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di