Scritta da: Paul Mehis

Notte striata

La tristezza mi pervade in questo bianco corridoio dalle mille porte sprangate,
ma il dolore...
... il dolore lancinante è in quella nera stanza dalla porta mai serrata,
in cui vedo raschiare putrida muffa nauseabonda dalle pareti,
alla ricerca del loro antico splendore che mai fu
perché costruito su menzogne, ricatti ed omissioni!
... Ed una splendida farfalla che danza intorno ad una becera fiammella,
confondendola con l'immensità del sole.
Piange sangue la luna per i suoi figli ormai orfani, abbandonati alla realtà dei loro carnefici.
Tutto il mio violentato amore brucia nell'odio ripudiato per tuo amore.
Ora mi nutro della mia stessa carne ormai solo prigione della mia dannata anima,
ma i miei occhi di lago profumano di mare.
Paul Mehis
Composta giovedì 29 settembre 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Paul Mehis

    Stasera

    Bianchissimi i tubi fluorescenti,
    tutto apparve ancora più freddo,
    nel tempo in cui il ghiaccio
    impietrì l'anima mia.

    Stasera...
    ti rivedrò!

    Ogni minuto passato con
    tè,
    rende sempre più
    il sangue magma!

    Sempre più lenta
    è la lunga attesa,
    per un bacio
    tuo...

    Stasera...
    ti rivedrò!

    Ci sfameremo nutrendoci
    dei nostri pensieri o silenzi.
    Ci disseteremo brindando
    nell'esplosione dei nostri sensi.

    Stasera...
    sarà una nuova sera!
    uguale o diversa,
    ma insieme.
    Paul Mehis
    Composta giovedì 11 novembre 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di