Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Marta Emme
L'anno nuovo rinnovi
energie pulite
nelle giovani mente
ove son site.
Menti incorrotte
e così illuminate
da dettare soluzioni
alternative al petrolio
e a quel che v'è affine.
Persone coraggiose
che credon in quelle
uniche ricerche
veramente "creative"
per la sopravvivenza
e quel che v'è affine.
Ricerche che forse
non dan soldi,
ma non fan campare
alle spalle dei buoni
i vecchi manigoldi.
Composta sabato 26 dicembre 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marta Emme

    Pastore di anime

    Vada i suoi precetti a declamare
    e ovunque c'è un'umanità che fa
    raccapricciar, là ove i diritti umani
    impunemente e crudelmente
    essa si arroga di oltraggiare
    o su un barcone li porta a vacillare.
    Invece è più facile additare
    chi* (governo italiano) poco disturbo può dare
    alla propria potestà talare
    così che lo si può anche bastonare.
    Eppur sol le anime son da pascolare,
    ma questo, monsignore ancor lo deve
    metabolizzare e in politichese*
    (sommariamente)
    manifesta comode pretese eludendo
    di impedir quelle crude offese
    e deludendo le risposte attese,
    sulla giustizia che rende l'uomo più cortese.
    Composta giovedì 27 agosto 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marta Emme

      Il sussurro della montagna

      Penetrare i misteri della montagna
      è entrare nelle pieghe della memoria
      di chi in quella terra è cresciuto
      e ai suoi inverni s'è temprato.
      Descrizioni ed emozioni che già sono preziosamente conservate
      nello scrigno dell'umanità. * (i libri)
      Ciò è essenziale, dacché
      non è più moderno amare il Padreterno,
      né al divino è da sottender
      perché "IO" è diventato l'equivalente;
      allor discerner è parso più esaltante;
      ma s'è mostrato poco lungimirante.
      Così, nell'abbandono, la montagna soffre
      per quest'uomo così folle
      che vale assai meno delle zolle
      che ha cementificato nei pendii
      e lungo il colle.
      E in un sussurro all'uomo dice che,
      è giunta l'ora di tornare in sé
      e riconoscer nella sua maestà
      la possenza di un'Entità
      che non si può insultar,
      ma sempre rispettar.
      Composta martedì 11 agosto 2015
      Vota la poesia: Commenta