Scritta da: Desafinado64

A árvore dos poemas / L'albero delle poesie

Quando a árvore dos poemas não dà poemas,
Seus galhos se contorcem todos como mãos de enterrados vivos,
Os galhos desnudos, ressecos, sem o perdão de Deus!
E, depois, meu Deus, essa lenta procissão de almas retirantes...
De vez em quando uma tomba, exausta à beira do caminho,
Porque ninguém lhe chega ao lábio o frescor de cântaro,
a doçura de fruto que poderia haver num poema.
Maldita a geração sem poetas que deixa as almas seguirem
seguirem como animais em estúpida migração!
Quando a árvore dos poemas não dà poemas,
Qual serà o destino das almas?

Quando l'albero delle poesie non dà poesie,
I suoi rami si contorcono tutti, come le mani
di sepolti vivi,
Rami nudi, rinsecchiti, senza il perdono
di Dio!
E poi, mio Dio, quella lenta processione di anime
emigranti...
Di tanto in tanto una cade, sfinita, sul ciglio
della strada,
Perché nessuno le reca al labbro la frescura di
brocca d'acqua,
La dolcezza di frutto che potrebbe esserci in una poesia.
Maledetta generazione senza poeti che lascia
le anime incamminarsi,
Incamminarsi come animali in stupida migrazione!
Quando l'albero delle poesie non dà poesie,
Quale sarà il destino delle anime?
Mário Quintana
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Desafinado64

    A Rua (La strada)

    A rua è um rio de passos e de vozes,
    um rio terrível que me vai levando,
    mas estou sò, como se està na infância...
    ou quando a morte vai se aproximando...
    No ar, agora, que distante aroma?
    Decerto eu sem saber pensei em ti...
    E um vôo de andorinha na distância
    è a minha saudade que eu te mando.
    Mas tudo, nesse tumultuoso rio,
    não fica nunca ao fundo da lembrança
    como no seio azul de uma redoma...
    Tudo se afasta nessa correnteza
    onde uma flor, às vezes, fica presa
    e um claro riso sobre as águas dança!


    La strada è un fiume di passi e di voci,
    un terribile fiume che mi porta,
    ma sono solo, come si è nell'infanzia...
    o quando la morte si va avvicinando...
    Nell'aria, ora, che distante aroma?
    Certo senza saperlo ti ho pensata...
    E una rondine che vola in lontananza
    è la mia nostalgia che io ti mando.
    Ma tutto, in questo fiume tumultuoso,
    non resta mai al fondo del ricordo
    come guardato sotto una campana...
    E tutto se ne va nella corrente
    dove un fiore, alle volte, resta preso
    e un chiaro riso sulle acque danza!
    Mário Quintana
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Desafinado64

      Monotonia

      È segundo por segundo
      Que vai o tempo medindo
      Todas as coisas do mundo
      Num sò tic-tac, em suma,
      Hà tanta monotonia
      Que atè a felicidade,
      Como goteira num balde,
      Cansa, aborrece, enfastia...
      E a própria dor quem diria?
      A própria dor acostuma.
      E vão se revezando, assim,
      Dia e noite, sol e bruma...
      E isto afinal não cansa?
      Jà não hà gosto e desgosto
      Quando è prevista a mudança.
      Ai que vida!
      Ainda bem que tudo acaba...
      Ai que vida tão comprida...
      Se não houvesse a morte, Maria, '
      Eu me matava!

      È secondo per secondo
      Che il tempo va misurando
      Tutte le cose del mondo
      In un solo tic-tac, insomma
      C'è tanta monotonia
      Che anche la felicità,
      Come gocciolìo in in secchio,
      Stanca, annoia, infastidisce...
      E lo stesso dolore, chi lo direbbe?
      Lo stesso dolore abitua.
      E così si vanno alternando
      Giorno e notte, sole e bruma...
      E questo alla fine non stanca?
      Non c'è più piacere o disgusto
      Se il cambiamento è previsto.
      Ahi che vita!
      Meno male che tutto finisce...
      Ahi che vita tanto lunga...
      Se non ci fosse la morte, Maria,
      Mi ammazzerei!
      Mário Quintana
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Desafinado64

        O silêncio

        Há um grande silêncio que está sempre à escuta...

        E a gente se põe a dizer inquietamente qualquer coisa,
        qualquer coisa, seja o que for,
        desde a corriqueira dúvida sobre se chove ou não chove
        até a tua dúvida metafísica, Hamleto!

        E, por todo o sempre, enquanto a gente fala, fala, fala
        o silencio escuta...
        e cala.

        IL SILENZIO

        C'è un grande silenzio che è sempre in ascolto...

        Per questo ci mettiamo a dire inquietamente una cosa qualsiasi,
        una cosa qualsiasi, qualunque sia,
        dal dubbio triviale se pioverà o no
        fino al tuo dubbio metafisico, Amleto!

        E per tutto il sempre, mentre la gente parla, parla, parla...
        il silenzio ascolta...
        e tace.
        Mário Quintana
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Gabriella Stigliano

          Vita

          Non so
          cosa vogliono da me questi alberi
          questi vecchi angoli di strada
          da essere così miei solo guardandoli un istante.

          Ah! Se mi chiederanno documenti là dall'Altro Lato,
          estinte le altre memorie,
          potrò mostrare i fogli sparsi di un album di immagini:

          qui una pietra levigata, lì un cavallo immobile
          o
          una
          nuvola smarrita
          smarrita.

          Mio Dio, che modo strano di raccontare una vita!
          Mário Quintana
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di