Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: matisse

Trovare un amico

Trovare un amico che sia un po' di te stesso
per dirgli quelle cose
che neppure al tuo animo
hai coraggio di svelare
trovare un amico che possa custodire
i tuoi anni più belli
che possa farti vincere le continue lotte
col destino
tenendoti per mano
ti accompagni alle soglie della vita
un amico che sappia starti vicino
quando neppure ti accorgi di volerlo
che dimentichi se stesso
per riempire il tuo sguardo
che possa con una carezza e un sorriso
cancellare le ombre di un dolore
non ancora assopito
Credevo che trovare te fosse almeno
una parte di questo.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: matisse

    Pensiero

    Gocce di mare, mille granelli di sabbia
    il sole, la luna sul mare
    son tutto questo quando ti sono vicina
    e il respiro, la vita dentro di me
    il mondo intero, tutto questo l'ho
    solo per il fatto che tu esisti.
    Ma ora, senza te sono sola
    sento le mani vuote, lo sguardo perso dietro
    una lacrima mentre vedo
    cancellarsi le tue ombre
    io rimango seduta sugli scogli
    a cercar nel cielo le tue parole
    resto muta di fronte a Dio
    gli chiedo di restituirmi almeno i ricordi
    e al vento di riempire questo mio cuore
    perché non posso vivere a metà.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: matisse

      Tradimento

      Ti odio
      Eri qualcosa di grande
      il mio scudo potente
      com'ero forte con te a fianco
      non temevo nemico, fiera
      guardavo avanti
      serena affrontavo la vita
      fiduciosa del mio grande eroe
      il colpo l'hai sferrato
      alle spalle,
      improvvisamente
      una mattina
      in ginocchi restai
      il dolore grande
      pensavo di morire,
      forse l'ho fatto
      dalla cenere è risorto qualcosa
      che non somiglia più
      a me.
      Composta domenica 8 novembre 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: matisse

        Gliò foco 'nzà appiccia

        Stasera sto ciocco
        'nzà appiccia
        glì prosperi ì sì scurti
        manco nà capoccia
        cià arrimasta
        dè zolfanello
        pè fà scoccà
        stà scintilla.
        Poro fregnone
        che tè credivi
        che stò foco
        addurava pè sempre
        niente sì fatto
        perché isso 'nzà smorzava
        'nzì scernuto cà la fiamma
        trabballava?
        Accostete mò a stò termossifone
        e vàttènne a durmì sulo
        stò fregnone.
        Composta lunedì 8 settembre 2008
        Vota la poesia: Commenta