Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Marco Teocoli

Buon natale

L'augurio che faccio a voi
è di ascoltare il cuore e poi,
di guardare ciò che gli occhi
stanchi e vissuti dei vecchi
vedono nel mondo
e credono che un giorno,
anche senza loro
il mondo sia di coloro
che sanno amare
con la voglia di dare,
senza nulla chiedere
o meglio pretendere.
Perché l'amore è spontaneo
è unico ed istantaneo.

Il natale come pretesto
per coloro che fanno presto
a dimenticare un amico
che per un attimo si è smarrito.
Il natale per chi accende
le luci una volta e poi le spegne.
Il natale per chi sogna
il regalo che non bisogna.

Il natale che sogno
è quello di ogni giorno
noi attorno al calore del cuore
uniti nell'amore.
Il natale insieme a te.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marco Teocoli

    Notte di natale

    Secoli di tradizione
    fra fede e persecuzione,
    uniti nel nome di chi
    ci ha resi liberi un di.
    Liberi di amare nel suo nome.
    Liberi di ascoltare con il cuore.

    Mistica speranza di vita,
    illusione mai finita,
    continuare a credere
    per mai concedere
    spazio di deludente emozione,
    che interrompe l'azione
    irrefrenabile del fuoco
    dentro me acceso da poco.

    Come un ceppo ad ardere
    che brucia per scaldare
    le mie notti insonni,
    fra i botti ed i sommi.
    Così ardo per l'amore.
    Così vorrei poter vivere
    nel fuoco della passione.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marco Teocoli

      Amare non è mai abbastanza

      Spesso mi chiedo se ciò che brilla nel cielo
      è avvolto da un mistero.
      Se la luna ed il sole
      sono le icone dell'amore.
      Se accanto a me ho la persona
      che mi capisce anche quando sogna.
      Se esistono vite progettate
      per vivere e poi gettate.
      Se il senso dell'amore
      varia da cuore a cuore.
      Ma ciò che mi fa pensare
      è questa voglia di amare,
      come se ogni luogo ogni istante
      ogni persona sia distante,
      però uniti da un filo,
      da un gesto divino.
      Dunque smetto di chiedere
      a me stesso ciò che invece è vivere,
      ma ciò che va fatto
      non perché qualcuno l'ha detto,
      ma per quel brivido dorsale
      che elettrizza l'istinto animale,
      che ci da la forza e la spinta,
      per non darla vinta
      all'ipocrita vita mal vissuta
      e ci apre le porte della speranza,
      perché amare non è mai abbastanza.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marco Teocoli

        In amore penso...

        Amore di un giorno preso
        in corsa e dopo appeso,
        amore di notte fra le braccia
        avvolte nei corpi in treccia
        amore immenso
        a volte senza senso
        ma che senso
        ha dare un senso
        in amore penso...
        amore nel cuore vai
        batti come gocce d'acqua
        nel mare pieno d'acqua
        che tanta non basta mai.
        Vita passata in un momento
        di ciò non mi pento
        di questo amore veloce come il vento
        trascina con se pensieri e parole
        calde come il sole
        fertili come la terra
        in un vortice di emozioni.
        Amami a volte a denti stretti
        con i pochi pregi ed i mille difetti
        sono così e tu lo sai
        però per te scalerei il Sinai.
        Non importa se capirai
        perché è folle il mio amore
        con parole non si può spiegare
        forse neanche a gesti
        allora quali pretesti
        per continuare a dire che ti amo
        come non ho amato mai.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Marco Teocoli

          Voglio la mia vita

          Vedo il luccichio dell'acciaio riflettere la luminosità
          Sento lo scricchiolio delle molle nel muovermi di qua e di la
          Ascolto il cigolio di una ruota che in giro se ne va
          Annuso l'aria che sa di dado in brodo senza voglia di mangiar
          Tocco il tessuto grezzo di un lenzuolo da poco steso qua.

          Voglia di un bicchier d'acqua
          La testa pesante e le mani stanche
          Un leone in gabbia
          Narcotizzato per la rabbia
          Che ci faccio in questo zoo
          Non vedo il sole da un po'.

          Fantasmi bianchi
          che pungono ai fianchi
          credono di sapere
          le sorti del mio dolore
          osservano e studiano.

          Vorrei andar via di corsa
          Sono stretto in una morsa
          Penso a chi mi pensa
          Per la mia lunga assenza
          voglio tornare a casa mia
          voglio la vita mia.
          Vota la poesia: Commenta