Questo sito contribuisce alla audience di

E ertu a guai

Luntan me figgiu,
se mai cazzu matu
a dme vegne de quandu
a te cuntovu e fe
andando p me.

E de vixite antgue
che-u se faxeva in ti boschi
i giurni de ste
intanto che fe
i cantva e ige.

E di russi meietti
che-i se chuggiva d'ottubre
in erti sciti sarveghi
e sciue i paxeva
appese sci e rame
tra fugge c rame.

E-a m porta poi
brocche curme d'egua d'ortu,
p smurs drentu l'arsa
che sempre gh' ava:

e nuve forse a riavi,
e ertu a guai!
Vota la poesia: Commenta