Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Jean-Paul Malfatti

Freelance, nato lunedì 30 giugno 1986 a Como (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Jean-Paul Malfatti

Affinché che vita...

Affinché la vita sia vissuta al meglio,
bisogna accettare e sapersi accettare.

Affinché la vita sia bella,
c'è soltanto un mezzo: bisogna vivere bene.

Affinché la vita possa circolare,
occorre fare appello all'amore.

Affinché la vita abbia sapore,
bisogna condirla con una dose d'amore.

Affinché la vita abbia un senso,
dobbiamo cercare di tirare fuori qualcosa
di buono anche da una cosa così orribile.

Affinché la vita sia ciò che deve essere,
bisogna esistere unione di spiriti,
unione di caratteri ed unione di cuori.

Affinché la vita possa continuare
e voi possiate continuare ad essere umani,
insegnate ai vostri figli e nipoti
a sognare un sogno nuovo e differente.
Composta lunedì 30 giugno 2003
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Jean-Paul Malfatti

    In cerca della conoscenza

    Avrei voglia...

    di conoscere meglio i misteri
    della vita e della morte;

    di conoscere meglio l'intimo
    degli esseri umani;

    di conoscere meglio i segreti
    che la natura nasconde;

    di conoscere meglio la ragione
    stessa di certi accadimenti;

    di conoscere meglio la gente
    che non riesco a capire;

    di conoscere meglio le persone
    che mi fanno andare avanti;

    di conoscere meglio i percorsi
    che mi hanno portato fin qui;

    di conoscere meglio il motivo
    per cui scrivo queste cose.
    Composta venerdì 22 aprile 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Jean-Paul Malfatti

      Òh Dio! Òh dei!

      Òh Dio, Dio dei credenti,
      perché tanta insistenza
      nel voler convalidare
      la Tua propria esistenza?

      Òh dio, dio degli atei,
      perché tanta insistenza
      nel voler confermare
      la tua irreale esistenza?

      Siete entrambi coinvolti
      in una guerra stupida,
      meschina e insensata che
      ha già fatto tanti morti.

      Lasciate perder le vostre
      diatribe e sforzatevi
      per fare qualcosa di utile
      per tutti i meno fortunati.
      Composta sabato 25 febbraio 2012
      Vota la poesia: Commenta