Scritta da: Giuseppe

Cocci di riflessi

Questo sole dolce
di Novembre
versa barili d'oro
sugli alberi,
tra le fiorite aiole
trovo fiori d'autunno
e qualche rosa,
voglio regalarti una collana
di gemme di parole.
Ora il sogno ha bussato
la tua porta,
sento dagli spiragli
la tua voce
dolce che incanta
tutta la notte è facile sognare.
Il tempo passa in fretta.
Ora l'alba carezza le tendine
con un filo di voce,
il sole spunta,
spolvera la nebbia,
mi sorprende in cammino
in equilibrio
sopra un filo teso
tra due sogni
dietro falde di nuvole,
trasparisce cocci di riflessi
cui mi aggrappo
per non precipitare.
Giuseppe Stracuzzi
Composta venerdì 13 novembre 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giuseppe

    Posso morir d'amore

    Nemmeno nei sogni
    si può trovare amore
    quando il progetto
    è aggredito
    da mutevoli note di poesia.
    Navigando per isole incantate
    mi son lasciato spingere
    dal vento
    nella foga di correre
    ho postato
    sulla cima del sogno
    un solo grano
    l'impatto con lo scoglio
    è stato forte
    perciò la barca illecebra
    è affondata
    così mi trovo muto
    in mezzo al mare
    l'isola è lontana
    posso morir d'amore.
    Giuseppe Stracuzzi
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giuseppe

      Sei nel mio cuore

      Il mio pensiero ha una porta segreta
      e un passaggio che arriva fino al cuore.
      Nei momenti di tristezza
      la porta si spalanca e tu accorri.
      Entri in punta di piedi
      sento le tue carezze,
      mi accompagni
      quando la solitudine mi assale.
      Mi sembra di vederti quando spieghi
      con la forza del cuore i tuoi pensieri,
      le ore della notte
      cullano l'onde della sonnolenza
      sento il tuo sorriso che mi guarda,
      mi porta a coltivare versi belli,
      slaccio il velo sottile che ti copre,
      l'attimo esplode sulla pelle nuda...
      dolce restare avvolto
      nel sussurro pacato dell'amore.
      Giuseppe Stracuzzi
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Giuseppe

        Un raggio buono

        Il cuore defraudato
        dal buio della solitudine
        di questo freddo inverno
        scopre versi dolci
        che carezzano i vetri
        dove gioca l'amore
        col gravame
        degli ultimi scalini
        e indossa il canto antico.
        Il vecchio
        coi versi tumefatti
        da logorio del tempo
        apre la porta al sole,
        un raggio buono
        entra nella stanza
        l'anima illusa
        scioglie le ali
        su percorso acclive
        dove rintocchi della primavera
        prendono per mano gli spiragli
        prima di addormentarsi
        tra le fiorite aiole.
        Giuseppe Stracuzzi
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Giuseppe

          Pigioniero delle ombre

          Si anima di dolce il desiderio
          sulle rive del calice assetato,
          basterebbe una goccia del tuo cuore
          per ubriacarmi, resto muto
          davanti al tuo silenzio, imprigionato
          dentro un lume cadente di pensieri
          nelle ombre che assalgono le vele
          senza bava di vento in alto mare
          nell'attesa di un sogno per volare
          con le ali di un qualche gabbiano.
          Giuseppe Stracuzzi
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di