Scritta da: Giulio Micheletti

l'amore

L'amore è per il poeta
la forma più evidente
per colpire la gente.
Amo lui,
amo lei,
amo la mamma,
amo mio fratello.
Io non ho mai amato,
si,
non conosco l'amore,
ma dov'è l'amore?
Nelle strofe dei letterati,
quello decantato come un sogno
mai avverato.
L'amore scritto dal sangue,
non è vero, ma l'hai trovato,
fin da quando sei nato.
Non voglio accusare la mamma
che dice al figlio
"tesoro quanto ti amo",
è un fatto convenuto e non cercato.
L'amore senza interesse
non si tesse.
Anche Romeo con Giulietta
d'amarsi hanno scelto
perché il mondo circostante
era così degenerato.
Non conosco ancora un uomo che
tragga ragione dal suo grande amore.
Forse non sono sincero,
un amore vero io l'ho visto, in un bambino,
che offriva la sua gioia,
il suo bel gelato
con tutte le creme adornato.
Giulio Micheletti
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giulio Micheletti
    L'altro ieri mi nonno dar sordato è ritornato
    e senza dje gnente un piede je hanno amputato
    e na croce de bronzo je hanno dato, pè esse stato
    a fà lo stronzo,
    davanti ar nemico in un campo gelato
    che neanche tutto er sangue perso
    aveva scallato.
    Mi padre invece
    dalla guerra s'era estraniato
    l'aveva messo in culo alli tedeschi
    e dal camion dei deportati è scappato.
    La guerra quella dove l'americano
    c'ha dato na mano.
    Sé è portato puro er marocchino
    che poi con l'oscar Sophia ha raccontato.
    Era ieri, oggi invece er milite che và
    in tutto er monno a difenne
    un utopia de pace e la vita perde,
    pè na speranza che un indomani
    se possa mette fine all'attentati,
    ar minuto de silenzio in tutti li stadi.
    invece desse applaudito e ringraziato
    dai fischi viene apostrofato.
    Lasciamo la polemica ar politico e
    non sa pjamo con quer cojone
    che pè servi la patria ha perso puro er nome.
    Giulio Micheletti
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giulio Micheletti

      illusione

      Ho tanta esperienza nella vita mia
      che tante volte preferirei
      a sto monno di non essece mai entrato
      tu me dici che ho scordato tutto er bene che m'hai dato
      quella notte su pe le stelle quanno m'hai amato
      Er firmamento tutto de luci ammantato
      da cornice c'ha luminato
      de na luce così intensa che l'occhi m'ha abbagliato
      Tu invece che sei forte
      come n'aquila hai volato
      e l'artigli drentro er core m'hai infilato
      De na notte impassata tra le braccia de na puttana
      de na troja maledetta, pe na vorta che me le l'ha data
      tutta la gloria mia m'ha rilevata.
      Giulio Micheletti
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di