Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Giulia Guglielmino

Onicotecnica /estetista /ballerina
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Giulia Guglielmino

Lei

Aveva smesso di credere nelle favole;
Aveva smesso di sognare, di fantasticare:
Si sentiva sconfitta.
Aveva voglia di piangere e di sfogarsi
liberandosi di tutto ciò che teneva dentro,
ma ormai le lacrime da versare erano esaurite.
Aveva perso le forze di credere in una via d'uscita
dalla sofferenza, dalla confusione...
Pensava che un gesto piccolo e semplice
come un sorriso sincero,
fosse talmente impossibile per lei...
Un masso da sollevare da sola...
Passò il tempo:... Cura di tutti i nostri mali.
Finalmente qualcuno, nel momento giusto,
appoggiò la mano accanto alla sua
e la aiutò a spostare quel pesante ostacolo
che si poneva tra lei e la felicità...
Oltre il velo della tristezza...
Aveva smesso di credere nelle favole,
la volevano convincere che
non poteva più essere una bambina.
Invece sarà eternamente piccina:
Quella che era caduta e si era rialzata
seguendo un cuore che poi l aveva abbandonata,
cadendo per l'ultima e dolorosa volta,
tornò a gattonare dopo un lungo periodo.
Aveva smesso di credere alle favole,
ma oggi corre, tenendo per mano la felicità
e ascoltando favole in continuazione...
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giulia Guglielmino

    Sfera di pace

    Vorrei entrare in una sfera con te.
    Una sfera dove non ci sono impegni,
    non ci sono persone.
    Una sfera in cui la chiave per entrare è:
    "Lasciare fuori da essa l'orologio".
    Una sfera nella quale non servono parole
    per comunicare...
    Una sfera dove si può crescere
    e si può invecchiare senza segni sul viso.
    E'una sfera che non può esistere
    al di fuori di noi, ma solo dentro.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giulia Guglielmino

      Senza luce

      Salii su quel muretto,
      mi affacciai al vento.
      Con le braccia aperte e gli occhi spalancati
      lasciai che egli mi asciugasse l ultima lacrima.

      Feci un gran respiro, presi coraggio
      e con il cuore in mano ti urlai:
      "ti amo!"
      Lo urlai ancora... E ancora una volta...

      Scesi da quel muretto,
      e con me scese una nuova lacrima.
      Si posò sull estremo della mia bocca
      e lo sentii salire fino a vedere il riflesso del mio sorriso sul tuo viso.

      Mi dicesti:
      "ti amo anch'io",
      e vidi una luce tale nei tuoi occhi
      da riuscire ad illuminare la mia anima
      fino a farla volare lontano...
      Ma non troppo lontano...
      È vicina e lagata a te.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Giulia Guglielmino

        Magari fosse vero

        Magari fosse vero:
        Già mi vedo mentre giro la chiave del nostro portone;
        Non me l ha promesso ma forse lo vuole anche lui.

        Magari fosse vero:
        Già sento provenire dalla stanza da letto
        il rumore della persiana che cala e
        compone l'atmosfera giusta per tenerci vicini;
        Non me l'ha promesso ma forse lo vuole anche lui.

        Magari fosse vero:
        Riesco già a sentire quel pianto,
        una piccola vocina che dipende solo da noi;
        Non me l'hai promesso ma forse lo vuole anche lui.

        Magari fosse vero...
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Giulia Guglielmino

          Con il naso all insù

          Questa notte pioveranno le mie belle,
          questa notte rimarrò con il naso all insù
          ad aspettar le stelle.

          Almeno tre per poter accarezzare i miei pensieri,
          almeno tre per poter realizzare i miei desideri.

          Staccatevi da la dove non vi posso vedere.
          Mosratevi a me con la vostra luce.

          In movimento vi farete spazio tra le invidiose
          che rimarranno lì ferme ad apettare
          il loro turno per farsi nuovamente notare.

          Stelle cadenti che avete sempre accompagnato
          i miei momenti più belli
          parlatemi ancora, parlatemi stanotte.

          Scendete e fatemi emozionare.
          Con il naso all insù e in punta di piedi, con l illusione di potermi avvicinare,
          vi sussurrerò tre desideri, tre pensieri,
          tre piccoli sogni che vorrei realizzare.
          Vota la poesia: Commenta