Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Giorgio De Luca

Nato giovedì 27 luglio 1950 a Chieti (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Giorgio De Luca

La mia vita, la vostra storia

Monotone ore che m'accompagnate
lungo la vita, scandite il vostro tempo
in silenzio, come foste il mio spirito!

La storia della mia vita,
una tra le tante,
è custodita nello spazio infinito.

La mia infanzia fu rapita,
smarrii l'isola felice e non restò
che il solo pensiero.

Ogni mio respiro soffoca nel nulla,
in quel nulla dove ho vissuto
senza conoscere il mondo.

Ascoltate, quand'è sera,
la natura che sospira!

Accarezzate i vostri sogni,
i momenti felici dell'infanzia!

La vostra è vita condita
da teneri ricordi!

Amate questa vita dove è racchiusa
la vostra storia, amatela anche
per quelli che, come me,
si ritrovano soli e nudi a calpestare
in silenzio i sogni del passato.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giorgio De Luca

    Il presuntuoso

    Cavalca baldanzoso in groppa al suo cavallo,
    sfoggiando un armatura sfavillante.

    Non s'avvede del ritorno esuberante
    dell'acerrimo nemico pronto ad espugnare
    il fortificato luogo.

    Deriso e mesto, resta vinto il prepotente.

    Laddove un tempo ebbe a gloriarsi,
    si odono grida di rivolta.

    S'allontana tra il tripudio della folla festante
    che irride la sua viltà.
    Composta sabato 30 giugno 1990
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giorgio De Luca

      Noi ragazzi della via

      Siamo nati in quella via
      noi bambini scanzonati.
      Per poterci divertire
      mille giochi abbiam creato.

      L'allegria accomunava,
      l'amicizia affratellava.
      Nelle piazze si giocava,
      si sfidavano i rioni.

      Noi ragazzi del cinquanta
      siamo amici ancora adesso.
      Ricordiamo con tristezza
      i bei tempi ormai passati.

      Soldi in tasca non ce n'eran,
      senza droga siam cresciuti.

      Voi ragazzi del tremila,
      se vorrete campicchiare
      come noi dovrete fare.
      Composta sabato 26 ottobre 1991
      Vota la poesia: Commenta