Canto

Canto la donna ed il suo olezzo,
canto l'amore con gran fervore,
canto col cuore, come sono avvezzo,
canto la luna ed il suo chiarore.

Canto le stelle, il mare, il tramonto,
l'alba, l'aurora, la pioggia e il vento,
che il poeta in qualsiasi momento
con le emozioni mette a confronto.

Canto ancora la fauna e la flora,
la natura canto e la sua amenità,
che ha i pregi della bella Pandora
e i mali, che Giove con crudeltà
mise nel vaso, che Epìmeteo aprì;
indi si sparsero su tutta la Terra
e l'uomo per ciò soffre ed erra,
ma la Speme lo sorregge ogni dì.

Canto forte l'ira e lo sdegno,
assistendo ai disastri sociali.
Gli scellerati di sottile ingegno,
dischiudendo lo scrigno dei mali
e uccidendo anche la Speranza,
che sola rimase in fondo al vaso,
ricavano salute dalla doglianza,
che i deboli al suolo ha spesso raso.

Così la vita non è una favola bella:
veni, crevi, deinde sudavi et alsi;
ebbi il vento a prua e la procella,
saepe bibi fel liquoresque salsi.

Gino Ragusa Di Romano
Dal mio libro "LACRIME E SORRISI"
Gino Ragusa Di Romano
Composta venerdì 10 settembre 2010
Vota la poesia: Commenta

    Lu cunclavi

    Li purci ca currinu a lu scifu,
    chiamati cardinala e monsignura,
    nni stu munnu sunu lu schifu,
    lu fangu cchiù fitenti di lurdura.
    Ma tanta genti asina e anchi sperta
    ci va apprissu senza cugnizioni,
    adurannu la munnizza a vucca aperta
    e facinnuci ossequi e uvazioni.
    Pupulu curnutu senza campani,
    ca, ntamatu, ladi pulitici e parrini
    ca sunu sempri affamati comu cani
    e ca sempri ti stoccanu li rini,
    chi minghia ci va apprissu si ti mbroglianu
    e ti la ficcanu, ridinnu, nni lu culu,
    mentri li so burdella tutti ammoglianu
    e tu ti carrichi di li so pisa comu un mulu.
    Talia giustu e vidi tuttu lu tiatru
    pri scegliri tra li purci un purcu,
    ca poi addetta li liggi di lu latru
    e simìna grana arrubbati nni lu surcu.
    A Diu e a Gesù Cristu li tradiru
    e di dumila anni fannu lu mircatu
    nni li chijsi, unni la fidi si vinniru,
    sbriaitannu di lu purpitu cu ciatu.
    Sti surgiazzi ngrassati nni la fugna
    portanu dannu a lu munnu interu;
    sunu lu culera, la pesti e la rugna,
    sangisuchi ca nun dicinu lu veru.
    Arraggiunati tanticchiedda genti:
    cridiri e aviri fidi a Diu e a Cristu
    ie daveru lu sulu valuri di la menti,
    l'antri minghiati sunu l'anticristu.
    Si propriu nun vuliti arraggiunari,
    comu fissa ca s'abbattinu lu pettu,
    pirditi la fidi, la saluti e li dinari,
    mentri chiddi mangianu caprettu.
    Gino Ragusa Di Romano
    Composta venerdì 1 marzo 2013
    Vota la poesia: Commenta

      Absit iniuria verbis

      La lanterna
      mi son messa in mano
      e sono sceso
      come Diogene sul piano.
      Cerco l'uomo
      e ancor non l'ho trovato;
      se non vien fuori
      l'Italia è a mal partito.
      Molte son le carogne,
      che sostano sul Monte
      e il lor fetore
      appesta e si diffonde.
      Una sola persona
      io vorrei in alto,
      che avesse bella
      l'anima ed il volto.
      Vota la poesia: Commenta

        Quannu t'incuntravu

        Quannu t'incuntravu parravi cu alligria,
        e iju, mutu, filici, ascutava vicinu a tia.
        Ti pinzu e la vita mi pari tutta un ciuri;
        ora, luntanu, sintu la musica e l'amuri.

        Taliju Mungibiddu e lu mari sirenu,
        ma lu cori l'haju vicinu a lu to senu.

        Quannu mi salutasti, mi disti la manu
        e lu to ciauru mi lu purtavu apprissu;
        ora ca nun ci sì mi resta sulu chissu
        e ddi jurnati ca nun passavu'nvanu.

        Lu distinu nni lu munnu ioca l'omu,
        ca, dispratu, senza pirchì né comu,
        doppu ca di li beddi cosi s'innamura,
        tanti voti resta affrittu e a la marmura.
        Gino Ragusa Di Romano
        Composta lunedì 18 giugno 2012
        Vota la poesia: Commenta

          Mi affiderò a te, Sofia.

          La nera donna un dì
          mi stringerà al suo petto
          ed io il suo bacio putido
          non più respingerò;
          indi la fredda urna
          accoglierà il mio corpo
          e sul mio avello gelido,
          satolla, planerà.
          In vita non fui amato
          da chi io tanto amai,
          così solingo e muto
          a te mi affiderò,
          perché con tanto zelo
          mi desti gran conforto
          allorché il greve affanno
          la mia mente affievolì.
          Se passerai di là,
          accostati alla mia tomba;
          se poi troverai intorno
          una rosa profumata,
          con tanta leggiadria,
          degna della tua persona,
          raccoglila per me;
          portala alle tue nari,
          ti sarà grato all'animo
          il suo intenso aroma;
          con lo stesso ardore,
          che mi mostrasti un dì,
          adagiala sulla lapide,
          dov'io riposerò.
          Se, invece, sarò cremato
          e polvere diverrò,
          accarezzerai la rosa,
          ne staccherai i petali
          e quando spirerà il vento
          li lancerai nell'aere;
          così io sentirò l'olezzo
          del tuo grande amore,
          che sarà ancor più fragrante,
          se, silente e grata,
          i miei sofferti versi
          dirai nella tua mente.
          Gino Ragusa Di Romano
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di