Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Gigliola Perin

Commerciante, nato domenica 25 ottobre 1970 a Valdagno (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Gigliola Perin
Fogli scritti,
parole che scorrono veloci davanti a me,
la mente libera percepisce il cuore
lascia che sia lui a parlare.
Ella tace,
s'inchina ai suoi sussurri,
quante volte la sue parole hanno messo
in dubbio i battiti che sentiva,
ora immobile sente i respiri che nascono,
in quel tacere le grida prendono il sopravvento su lei
e l'unica cosa che può fare
e zittirsi e lasciare che l'amore compia il suo viaggio
fin dentro l'anima.
Ecco ciò che temeva di più è successo.
Il cuore parla e la mente si piega.
Composta domenica 29 dicembre 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Gigliola Perin
    Buongiorno dolce alba
    ti ho attesa tutta la notte,
    ho cercato di sognare,
    ma la testa non smetteva di parlare.
    Ho spiato i movimenti della luna,
    nella speranza che mi aiutasse a sognare.
    Ahimè' nemmeno lei
    è riuscita ad asserenare la mia notte.
    Ben svegliato sole
    ti ho atteso come un assetato
    nel deserto che ricerca l'acqua.
    Ora posso alzarmi ed incamminarmi
    alla tua luce.
    Questa notte ha portato solo tristi pensieri,
    ora regalami tu
    un sorriso per trovare la
    perduta serenità...
    ben svegliato mondo addormentato,
    ti allungo una carezza
    ed un sottile bacio!
    Composta lunedì 30 dicembre 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Gigliola Perin
      Ho ascoltato parole che imprimevano illusioni nel cuore,
      ho letto frasi che promettevano amore eterno,
      ho sentito tradimenti entrare ed uscire come il respiro.
      Ho visto occhi mentire senza rimpianto.
      Ho visto, ho ascoltato, ho letto, ho creduto
      a labbra che sussurravano ti amo senza pensarlo,
      ed ora? Ora vedo bugie travestite da verità ovunque
      e lei che vuol sapere e spiegare ma non intuisce che per me
      nulla ha più valore oramai,
      nulla può più penetrare in me,
      il vuoto non prova dolore, non sente la felicità,
      non potrai riempirlo mai più!
      Composta giovedì 26 dicembre 2013
      Vota la poesia: Commenta