Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Fiorella Cappelli

Dar treno da S. Marinella a Roma

Su le mura gialle de 'n cimitero vicino a Palidoro
'na scritta riportava come 'ntesoro:
  MASSIMO VIVE!

Tra li campi dè pannocchie e le chiome de li pini a faje 'n po' de scuro...
anche dar treno 'n corsa se leggeva su quer muro, ch'appresso ar treno, coreva come 'n grido de sicuro!
Come pè dì, te che vai lontano... guarda quì
indove c'è massimo nostro sotterato,
sotto 'sti pini l'avemo lasciato
indove sti arberi che guardeno ar mare, movono le chiome ne 'la sera...
a riportà l'ebrezza de chi più non spera...

de quanno in moto raccojeva er vento su ' la pelle
e faceva 'sta strada mille vorte, sotto ' e stelle!
Forse pure quà vorta, cor sole, quanno s'è girato a guardà er mare...
quanno che tanta bellezza l'ha tradito
e l'ha lassato a terra, tramortito...

'sta scritta oggi c'è pè fà vortà te, viaggiatore gioconno,
pè arubbatte 'n pensiero profonno,
girà la testa ar mare, e dall'antra a Massimo, che è scritto vive, ma nun è più a 'sto monno!
Vota la poesia: Commenta