Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Fiorella Cappelli

Canne... tanto pè parlà

Certe vorte, pare strano
er comportamento umano!
Io ciò quasi 'na condanna
io nun sò che è 'na canna!

Mai provato 'o stordimento
de 'sto finto godimento...
de 'ste canne, senza vento
che te fanno stà contento

io li vedo i miei amici
zombi finti e felici
ma sur fumo nun concordo
nun ce prenno propio accordo

mejo un bon bicchier de vino
er calore de'n camino
quarcheduno a te vicino...
e pè spegne que 'la fiamma...
ce vò antro... che 'na canna!
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Fiorella Cappelli

    Frettolosa Modernità

    Ti ossevo, non voltarti
    ascolto la tua melodiosa voce
    coprire la musica
    e mi perdo a guardarti...
    tenera tu
    incredibile miracolo di vita mia
    fino a che sentiero ti accompagnerà
    questo cuore stanco...
    chissà quando se ne andrà via...

    Nascosta, asciugo due lacrime
    che ho sentito nascere
    mentre allo specchio mi accorgo
    di un'altra ruga sul mio volto
    lasciata dal tempo che ti vede crescere...

    Nel sorriso che cerco di fare
    ho sempre messo tanto amore
    ma questo tempo mi lascia indietro e sola
    e non so insegnarti a sognare
    se tu non senti la mia parola
    se non sai afferrare l'anima mia
    se non riesci a regalare una lacrima
    alla mia poesia...

    Al petto ti ho stretto
    nel tempo mio romantico
    con tutto il mio affetto
    ed ora ti vedo, sfuggire già
    donna a metà...
    in questa frettolosa modernità!
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Fiorella Cappelli

      11 settembre 2001 Odissea sulla Terra

      L'incredibile cos'è
      è l'incubo di una realtà inverosimile
      l'apprendere l'esistenza di un odio senza limite
      invocazioni di pietà interminabili
      occhi fissi, senza lacrime...
      nel cuore sgomento ed inquietudine...
      mondi che crollano
      seppellendo battiti di vite aggrovigliate
      che innalzano muri insormontabili
      verso una pace irraggiungibile.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Fiorella Cappelli

        Monno Sordo

        Di notte, un chiosco di fiori, chiuso...
        Un mazzo di fiori, preparato con cura e lasciato sul bancone, parlava con un rubinetto che gocciava...

        - Fai troppo rumore, cò quà goccia lì, me tieni svejo, num me fai più dormì e io all'alba de domani ho da partì...
        - Beato! Tu parti, sei rinfrescato, è sotto de me che t'hanno bagnato, t'hanno composto colorato e bello, io invece 'sto quà, e nun sò 'n ruscello.
        - Senti amico, credi, anch'io vorei 'sta quà, perché ho sentito dov'è che devo annà... Sti colori, vivaci che ciò 'n testa... nun sò ogni vorta pè 'na festa, cò 'sta vita così irequieta e strana... domani finirò su 'a Nomentana...
        Dù poveri ragazzi, cor motorino, vite spezzate, senza più 'n matino, insane follie d'antra gioventù che manca de prudenza, è condannata, pensando che la vita sia scontata...
        Penzo à le famije, troppo er dolore... strappato e lacerato a pezzi er core, i sogni annati dei bravi ragazzi, a 'sti tempi duri, sempre più pazzi...
        Quindi famme riposà e nun me 'nvidià perché vorei tanto fanne a meno... e restà quà ma me rendo utile, almeno come ricordo, fà ombra a 'na foto... ne 'sto monno sordo!
        Vota la poesia: Commenta