Virgilio

S. Antonio Abbate (17 Gennaio)

C'è l'asino, c'è l'oca è 'n rituale:
la pecora, er conijo, er cane er gatto
si questa è 'na riunione e nun so matto
voi vede ch'è 'na festa? E nun è male!

Cor Santo accompagnato dar majale
Antonio Abbate, poi pijànne atto
benedice l'animali, detto fatto
opre li balli puro ar Carnevale!

Cerveteri fa festa e in processione
pe' la Boccetta, inzieme ar Sacramento
li carri vònno la benedizzione.

Tera de Borghi antichi e de Frazzioni
s'accenne de colori 'gni momento
pe' fa' sortì poesia e tradizzioni!
Fiorella Cappelli
Composta sabato 17 gennaio 2015
Vota la poesia: Commenta

    Li Valori

    Si quell'arbero, co' le fronne ar vento
    t'ariccontasse... de la vita annàta
    der  soriso, dell'aria spenzierata
    che m'arubbò coll'ombra der momento...

    Ma er tempo s'annisconne (er paravento)
    tra li ricordi de 'na scampagnata
    la voja de dipigne 'na giornata
    e la pupa da svezzà, l'allattamento

    te bruci tutto quanto ma ce credi
    a li valori che t'hanno 'nsegnato
    vai avanti, arzanno su la testa

    sercianno strade che nun sempre vedi...
    e co li piedi ignudi sur bagnato
    co' l'anima prezziosa e sempre onesta!
    Fiorella Cappelli
    Composta domenica 28 dicembre 2014
    Vota la poesia: Commenta

      La Befana Sfrattata 2015

      'Na vecchina mo gira all'impazzata
      cià li dorcetti pe' li regazzini
      segue la via de li sampietrini
      scènne da la scopa tutta 'ncacchiata

      la strada tutt'antratto è sgarupata
      li serci so' ammucchiati, poverini
      Trastevere scoperchia li tombini
      la vecchia, co' la veste rattoppata

      cià prescia d'arivà e fa' la bbona
      cià 'na missione cià, e cosa strana
      soride: sta' a penzà a Piazza Navona...

      Er cinque de gennaro so' emozioni...
      ma lì c'è er luna parche e gran burriana
      e Roma nun cià più le tradizzioni.
      Fiorella Cappelli
      Composta lunedì 5 gennaio 2015
      Vota la poesia: Commenta

        Pizza e Mortazza

        De tutto er cibbo che conosco ar monno
        Quello più bbono er più genuino
        è quello del fornaro, er sor Tonino
        che a lavorà de notte perde er sonno.

        A prenne er pane fresco ce va nonno
        Rimedia sempre a scrocco un ber panino
        A lui je piace all'ojo, morbidino
        P'arimpinzasse poi con po' de tonno.

        Ricorda er tempo annàto de la pizza
        De quanno che coreva su la piazza
        In mezzo a li compagni a giocà a nizza

        All'epoca er lusso mica ce stava
        Ariempiva la pizza de mortazza
        E co li denti forti l'azzannava.

        E mo che ciaripensa... la pressione
        Je sale a nun seguì la tradizione...
        Fiorella Cappelli
        Composta mercoledì 1 ottobre 2014
        Vota la poesia: Commenta

          Nasone di Borgata

          I piedi scalzi, dentro i zoccoletti
          sul vestitino c'è la mantellina
          all'uncinetto, fatta da mammina
          Un dono di Natale tra i dolcetti

          Fermavi i tuoi capelli con cerchietti
          toccavi l'acqua fresca ed argentina
          giochi e risate la tua medicina
          La povertà, il freddo, i denti stretti...

          Con la tua veste larga e un po' dismessa
          attorno a quel nasone di borgata
          riuscivi sempre a fare una gran festa.

          L'era dei sogni, di un mondo migliore
          ora ricordi di mente naufragata
          Del tempo andato, gran compositore.
          Fiorella Cappelli
          Composta lunedì 15 settembre 2014
          Vota la poesia: Commenta