Scritta da: Fiorella Cappelli

Lasciami La Luna

Lasciami la luna, stanotte
Ora che te ne vai...
coprirà l'impronta vuota
ancora calda
del tuo corpo amato
Ricamerà
riverberi di speranza nel buio
Ricalcherà
respiri di parole sussurrate...
Promesse proibite
Lasciami la luna, stanotte
Affinché io possa stringerla
come una promessa
Possa affidarle le mie lacrime
Affondare le mie mani
nel silenzio della sua cenere...
Lasciami la luna, stanotte
Per non pensare...
che stai ritornando tra le sue braccia
mentre hai ancora il mio sapore...
sulle tue labbra.
Fiorella Cappelli
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Fiorella Cappelli

    Parole addormentate

    Siete così stanchi... le parole si addormentano sul foglio.
    Si sveglieranno, all'alba di domani... timorose e senza orgoglio.
    Sapranno di rugiada asciugata al vento
    di note di cascata, di fuoco appena spento.
    Non svegliate le parole, lasciatele dormire
    cullate dai pensieri... lasciatele partire
    sorvoleranno il mondo, abiteranno l'arte
    ma crederanno in voi, voi ne farete parte.
    Fiorella Cappelli
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Fiorella Cappelli

      Lui, non teme

      L'Amore non è un oggetto
      va custodito e protetto
      alimentato e sorretto
      ne va curato l'aspetto

      l'Amore non ha ragione
      abbraccia follia e passione
      vive momenti da Adone
      ha doti da grande Istrione

      l'Amore conosce il vanto
      ma soccorre un cuore affranto
      chiude solchi, asciuga il pianto
      lui non teme... a rischiar tanto.
      Fiorella Cappelli
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Fiorella Cappelli

        Er Coraggio... Costa

        Troppo je Costa, adesso a'sto Schettino:
        invece d'avè a còre quela gente
        che nun poteva prenne er sarvaggente,
        perdeva tempo cor telefonino

        Boja destino: p'annà a fà n'inchino
        de quela nave nun ce resta gnente
        e lui che pare furbo e inteliggente
        fà: - stò in scialuppa, "mica m'ammutìno! -"

        A chi je dice: "caz zo, torni a bordo!"
        risponne che ce và, ma è'na bucia
        "Che fa, nun obbedisce?, oppure è sordo?"

        Pora Concordia, ha finito er viaggio
        De notte nun se vede più la scìa
        Ma er monno ha visto... st'atto de "coraggio!".
        Fiorella Cappelli
        Composta lunedì 16 gennaio 2012
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di