Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Marilù Rossi

Prendemmo la città dopo un intenso bombardamento

Il bambino biondo
giace sul selciato.
Ha le viscere fuori
e legato a uno spago
un trenino ignorato.

È un fascio il suo volto
di sangue e di niente.
Luccica un pesciolino
un pesciolino di vasca da bagno
accanto al marciapiede.

Sulla strada viene sera.
Un chiarore sullo sfondo
annuncia un futuro che sorge.

E quello del bambino biondo?
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Desafinado64

    Quando era jovem, eu a mim dizia

    Quando era jovem, eu a mim dizia:
    Como passam os dias, dia a dia,
    E nada conseguido ou intentado!
    Mais velho, digo, com igual enfado:
    Como, dia após dia, os dias vão,
    Sem nada feito e nada na intenção!
    Assim, naturalmente, envelhecido,
    Direi, e com igual voz e sentido:
    Um dia virà o dia em que jà não
    Direi mais nada.
    Quem nada foi nem è não dirà nada.


    Quando ero giovane, dicevo a me stesso:
    Come passano i giorni, a giorno a giorno,
    E niente di ottenuto o progettato!
    Più vecchio dico, con ugual fastidio:
    Come, uno dopo l'altro, i giorni vanno,
    Senza nulla di fatto e nulla nell'intenzione!
    Così, naturalmente, invecchiato
    Dirò, e con ugual voce e senso:
    Un giorno verrà il giorno in cui ormai
    Non dirò più niente.
    Chi niente fu né è non dirà niente.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      Tutte le lettere d'amore

      Tutte le lettere d'amore sono
      ridicole.
      Non sarebbero lettere d'amore se non fossero
      ridicole.

      Anch'io ho scritto ai miei tempi lettere d'amore,
      come le altre,
      ridicole.

      Le lettere d'amore, se c'è l'amore,
      devono essere
      ridicole.

      Ma dopotutto
      solo coloro che non hanno mai scritto
      lettere d'amore
      sono
      ridicoli.

      Magari fosse ancora il tempo in cui scrivevo
      senza accorgermene
      lettere d'amore
      ridicole.

      La verità è che oggi
      sono i miei ricordi
      di quelle lettere
      a essere ridicoli.

      (Tutte le parole sdrucciole,
      come tutti i sentimenti sdruccioli,
      sono naturalmente
      ridicole).
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Young Dreamer ...
        E dopotutto ci sono tante consolazioni!
        C'è l'alto cielo azzurro, limpido e sereno,
        in cui fluttuano sempre nuvole imperfette.
        E la brezza lieve [...]
        e, alla fine, arrivano sempre i ricordi,
        con le loro nostalgie e la loro speranza,
        e un sorriso di magia alla finestra del mondo,
        quello che vorremmo,
        bussando alla porta di quello che siamo.
        Vota la poesia: Commenta