Omertà

Sulle labbra ho scritte parole
troppo sbiadite per essere lette,
troppo fievoli per essere udite.
Trattengo un urlo da tempo soffocato
nella mia gola stanca di ingoiare
sentenze troppo aspre.
Sulle orecchie ho scritte frasi
che troppo spesso vengono ascoltate,
troppo spesso trascurate ed ignorate.
Gli ingenui vivono costruendo pensieri utopici
e desiderando una realtà ideale,
mentre gli sporchi corrompono i sistemi
ed uccidono i giusti che lottano
per creare un mondo migliore.
Ed i deboli passano accanto senza parlare
attaccati dall'omertà della paura
di far la stessa fine di chi invece
è riuscito a dare fiato alle proprie parole.
Enrico Uscieri
Vota la poesia: Commenta

    Stagioni

    E ci riabbracciamo di nuovo,
    però domani sarai comunque
    distante come prima.
    Ma vivo ogni notte
    nella speranza che mi si presti
    un'alba diversa, da iniziare
    con un abbraccio e niente
    formali saluti che nascondono
    ciò che io provo per te.
    Come stagioni vivo senza fermarmi
    il freddo della tua assenza
    ed il calore del tuo abbraccio.

    Vorrei solo fosse sempre Estate.
    Enrico Uscieri
    Vota la poesia: Commenta

      Lacrime

      Disteso su un letto di erba
      di un prato stanco d'esser calpestato
      miro il vuoto puntuto di bianco
      che mi si presta dinnanzi.
      E con segmenti immaginari
      traccio lacrime d'amore.
      Mi chiedo se ne abbia davvero
      mai versate nella mia vita,
      lacrime... o solo capricci
      di un bimbo che ha fame?
      Se ne abbia versate abbastanza,
      troppe o troppo poche per l'amore
      che ho passato, che mi ha trafitto?
      Passo il tempo a centellinarle
      per racchiuderle in un'ampolla
      e dimenticarle dentro un vecchio cassetto.

      Non ho mai pianto...
      Enrico Uscieri
      Vota la poesia: Commenta

        Piccola

        Sei un frammento di diamante
        in una miniera di carbone.
        Una piccola goccia di pioggia nel deserto.
        Sembrava impossibile che io ti potessi
        trovare in mezzo a tanta tristezza.
        Impedirò che tu possa esser persa,
        evaporare ed esser sprecata.
        Farò in modo che da te nasca la vita
        in un mondo che muore giorno dopo giorno.
        Ti lavorerò e ti renderò perfetta.
        Perché tu sei la speranza che mi ha donato
        rinnovato vigore, che mi ha permesso
        di continuare a camminare.
        Ed io ti coverò tra le mie braccia.
        Enrico Uscieri
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di