Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Cleonice Parisi

Il vecchio berretto

Smarrì il suo berretto
un dì un poveretto,
strappato alla testa
da un vento in tempesta.

Rincorse per metri
usando i suoi piedi
quel vecchio berretto
che un po' andava stretto.

Ma il vento era allegro
voleva giocare
e il vecchio berretto
non volle ridare.

E alzandolo in volo
lontano dal suolo
sin su, sopra al tetto
depose il berretto.

"Rivoglio il berretto!"

Gridò il poveretto.

"È Vero è un po' stretto
ma cosa mi metto?
L'inverno è vicino
ed io non ho tetto".

Fu allora che il vento
provò pentimento
e il vecchio berretto
portò al poveretto.

"Non sono scorretto,
ti porto rispetto,
ti rendo il berretto ma tienilo stretto".
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Cleonice Parisi

    È nel trascorso il tuo primo percorso

    Non avrai sentieri
    se di sentieri non avrai memoria;

    È nel trascorso vissuto,
    il tuo solo intuito,
    è nel vivere di ieri
    che tracciato avrai sentieri;

    Non sottovaluta pioggia
    chi alla sua terra ha dato foggia,
    sa che sol nel suo cadere
    frutto poi potrà vedere;

    Non teme il tifone
    chi manovra vele,
    egli raccoglie in quel vento
    la forza del suo movimento.

    Non teme fame
    chi nel mondo ha cucito trame,
    sa che sol nel digiuno forzoso
    della vita sarà realmente sposo.

    Non avrai sentieri
    se di sentieri non avrai memoria;

    È nel passato il tuo coltivato,
    è nel domani il frutto ritrovato;

    Non sottovaluterai il trascorso,
    è nel cuore di ciò che andato il tesoro trovato;

    Guarderai con amore
    anche a ciò che ti avrà ferito il cuore
    e nel proceder innanzi
    capirai di non aver lasciato avanzi;

    È nel trascorso il tuo primo percorso.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Cleonice Parisi

      Maestra di Casa e Guardiano del Fuoco

      Come Maestra di Casa,
      accenderai il fuoco sacro dell'amore
      in casa come nel cuore,
      metterai nel camino la legna
      per render la vostra dimora degna.

      Come Guardiano del Fuoco,
      osserverai la sua fiamma
      divenir mamma
      e nello stringer fortemente i denti
      le nasconderai tanti tormenti.

      Come Maestra di Casa,
      laverai ferite,
      asciugherai lacrime,
      e piangerai di nascosto
      quando per una tua lacrima non ci sarà posto.

      Come Maestro del Fuoco
      farai del viver un bellissimo gioco
      il sorriso e l'ilarità
      alla vostra mensa mai mancherà.

      Come Maestra di Casa
      sarai stella che balla,
      anche in una stalla.

      Maestra di Casa e Guardiano del Fuoco
      come una sola farfalla danzerete,
      attorno ad una stessa fiamma
      per sentirvi chiamare papà e mamma.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Cleonice Parisi

        Avrai

        Avrai da salire e scendere scale;
        Avrai voli ed abissi;
        Avrai giorni e notti;
        Avrai fiori e sassi.

        Avrai,
        e versando lacrime crederai di non aver mai avuto.

        Avrai,
        e con un peso nel cuore, sentirai di non aver mai amato.

        Avrai,
        e con le lacrime negli occhi, crederai di non aver mai visto.

        Avrai,
        e col vento tra le mani, sentirai di non aver mai stretto;

        Avrai e nel credere di non aver mai avuto,
        la tua vita sarà trascorsa.

        Avrai da scendere e salire scale,
        scenderai e salirai tra sollievo e affanni,
        ma ricordalo.

        Avrai voli ed abissi,
        nei voli guarderai in basso
        e dagli abissi guarderai in altro,
        ma ricordalo.

        Avrai giorni e notti,
        nei giorni sorriderai alla luce
        e nella notte verserai lacrime,
        ma ricordalo.

        Avrai fiori e sassi
        dei fiori conserverai il profumo
        e dei sassi la dura materia,
        ma ricordalo.

        Avrai
        e nell'avere comprenderai che l'alternanza del vivere ti era maestro.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Cleonice Parisi

          Cerca il tuo sorriso

          Il tuo sorriso non è nel vivere che tocchi,
          il tuo sorriso è nell'armonia d'intenti con la tua stessa anima.

          Segui la scia leggera di un vento
          che non ha dimensione
          ma solo fulcro vivo nel tuo cuore pulsante.

          Il puro sorriso dimora già nel intimo pensiero
          del tuo segreto cercare
          e ti accompagnerà dal primo all'ultimo respiro;

          Nella ricerca infinita
          che tu crederai rivolta alla tua sola felicità,
          troverai ad attenderti mille e più cuori
          che come te avranno affrontato lo stesso viaggio;

          E in quel viaggio
          sarete messi di quel unico verbo
          che avrà eco:

          Cerca il tuo sorriso.

          Cercherai...
          Come il respiro cerca l'aria
          Come un fiore cerca il sole
          Come il mare cerca la propria spiaggia
          Così tu cercherai il tuo sorriso.

          E nel cammino fatto
          nell'inseguir la gioia
          tu avrai sfiorato la tua
          altra dimensione.
          Vota la poesia: Commenta