Poesie di Charles Bukowski

Poeta e scrittore, nato lunedì 16 agosto 1920 a Andernach (Germania), morto mercoledì 9 marzo 1994 a San Pedro, Los Angeles, California (Stati Uniti d'America)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Aspetta, e ti troverà

Una giornata alle corse,
seguita da un tuffo
in piscina,
seguito da 5 minuti
nella sauna,
seguita da una doccia,
seguita dalla lettura della posta
(non molto interessante)
poi la mogliettina
racconta qualcosa della sua
giornata,
i miei sette gatti mi accolgono
uno alla volta
e la serata
comincia.
Dal puro inferno a questo.
Riuscirò a sopportarlo?
Ci riuscireste voi?
Ma non preoccupatevi,
l'inferno tornerà,
rinvigorito,
mi troverà
di nuovo
più vecchio, più grasso
e io ti farò rapporto,
caro lettore,
nello stile a cui
ti sei
abituato.
Charles Bukowski
Composta mercoledì 25 settembre 2013
Vota la poesia: Commenta

    Posta

    La posta aumenta.
    lettere su lettere per dirmi
    che grande scrittore
    che sono,
    e poesie, romanzi, novelle,
    racconti, ritratti.
    qualcuno chiede solo un autografo,
    un disegno, una parola.
    altri propongono una corrispondenza
    permanente.
    io leggo tutto, butto tutto,
    faccio i miei
    affari.
    so bene che nessuno è
    un "grande" scrittore.
    può esserlo
    stato,
    ma scrivere è un'impresa
    che ricomincia da capo
    ogni volta
    e tutti gli elogi,
    i sigari, le bottiglie
    di vino inviate
    in tuo onore
    non garantiscono
    come sarà la riga successiva,
    e soltanto quella conta,
    il passato è
    inutile,
    siede sulle ginocchia
    degli dei
    mentre i secoli
    svaniscono
    nel loro marcio
    celere
    sfarzo.
    Charles Bukowski
    Composta mercoledì 25 settembre 2013
    Vota la poesia: Commenta

      I fiori morti di me stesso

      Tori bulleggiano in gloria di girandole,
      missili tramortiscono i cieli,
      ma io non so
      proprio che cosa fare
      dei fiori morti
      di me stesso,
      se buttarli via
      fuori dal vaso
      oppure
      schiaffarli in mezzo a queste
      pagine bianche
      e andare avanti:
      massì, tutto il dolore si riduce
      a cruda morte
      e finalmente si smette di piangere.
      grazie al dio
      che lo ha
      fatto.
      Charles Bukowski
      Composta mercoledì 25 settembre 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di