Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Charles Bukowski

Poeta e scrittore, nato lunedì 16 agosto 1920 a Andernach (Germania), morto mercoledì 9 marzo 1994 a San Pedro, Los Angeles, California (Stati Uniti d'America)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Andrew Ricooked

Fuori posto

Brucia all'inferno
questa parte di me che non si trova bene in nessun posto
mentre le altre persone trovano cose
da fare
nel tempo che hanno
posti dove andare
insieme
cose da
dirsi.

Io sto
bruciando all'inferno
da qualche parte nel nord del Messico.
Qui i fiori non crescono.

Non sono come
gli altri
gli altri sono come
gli altri.

Si assomigliano tutti:
si riuniscano
si ritrovano
si accalcano
sono
allegri e soddisfatti
e io sto
bruciando all'inferno.

Il mio cuore ha mille anni.
Non sono come
gli altri.
Morirei nei loro prati da picnic
soffocato dalle loro bandiere
indebolito dalle loro canzoni
non amato dai loro soldati
trafitto dal loro umorismo
assassinato dalle loro preoccupazioni.

Non sono come
gli altri.
Io sto
bruciando all'inferno.

L'inferno di
me stesso.
Composta domenica 3 gennaio 2010
Vota la poesia: Commenta

    Che te ne fai d'un titolo?

    Non ce la fanno i belli muoiono tra le fiamme:
    sonniferi, veleno per i topi, corda, qualunque cosa...
    Si strappano le braccia, si buttano dalla finestra, si cavano gli occhi dalle orbite, respingono l'amore
    respingono l'odio respingono, respingono.
    Non ce la fanno i belli non resistono, sono le farfalle, sono le colombe, sono i passeri, non ce la fanno.
    Una lunga fiammata mentre i vecchi giocano a dama nel parco.
    Una fiammata, una bella fiammata mentre i vecchi giocano a dama nel parco, al sole.
    I belli si trovano all'angolo di una stanza
    accartocciati tra ragni e siringhe, nel silenzio, e non sapremo mai perché se ne sono andati, erano tanto
    belli.
    Non ce la fanno i belli muoiono giovani e lasciano i brutti alla loro brutta vita.
    Amabili e vivaci: vita e suicidio e morte mentre i vecchi giocano a dama sotto il sole nel parco.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: mor-joy

      Sii gentile

      Ci viene sempre chiesto
      di comprendere l'altrui
      punto di vista
      non importa quanto sia
      antiquato
      stupido o
      disgustoso.

      Uno dovrebbe
      guardare
      agli errori degli altri
      e alle loro vite sprecate
      con
      gentilezza,
      specialmente se si tratta di
      anziani.

      Ma l'età è la somma
      delle nostre azioni.
      Sono invecchiati
      malamente
      perché hanno
      vissuto
      senza mettere mai a fuoco,
      hanno rifiutato di
      vedere.

      Non è colpa loro?
      Di chi è la colpa?
      Mia?

      A me si chiede di mascherare
      il mio punto di vista
      agli altri
      per paura della loro
      paura.

      L'età non è un crimine
      ma l'infamia
      di un'esistenza
      deliberatamente
      sprecata
      in mezzo a tante
      esistenze
      deliberatamente
      sprecate lo è.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Paul Mehis

        Per la vecchia denti-storti

        Conosco una donna
        che compera continuamente puzzle
        cinesi
        puzzle
        cubi
        cavi
        pezzi che alla fine s'incastrano
        in un ordine
        li completa
        matematicamente
        risolve tutti i suoi
        puzzle
        vive giù in riva al mare
        mette lo zucchero fuori per le formiche
        e crede
        alla fin fine
        in un mondo migliore.
        Ha i capelli bianchi
        li pettina di rado
        ha i denti storti
        e indossa ampie tute informi
        su un corpo che molte
        donne vorrebbero avere.
        Per anni mi ha irritato
        con quelle che giudicavo
        eccentricità - come i gusci d'uovo a mollo
        (per nutrire le piante
        col calcio).
        Ma infine quando penso alla sua
        vita
        e la paragono alle altre vite
        più eccitanti, più belle
        e originali
        mi accorgo che lei ha ferito meno
        gente di tutti quelli che conosco
        (e per ferire intendo semplicemente ferire).
        Ha passato periodi tremendi,
        periodi in cui avrei forse potuto
        aiutarla di più
        perché è la madre della mia unica figlia
        e siamo stati un tempo grandi amanti,
        ma ne è uscita,
        come ho detto
        ha ferito meno gente di
        tutti quelli che conosco,
        e se guardi le cose così,
        beh,
        ha creato un mondo migliore.
        Ha vinto.
        Composta martedì 21 luglio 2009
        Vota la poesia: Commenta