Poesie di Barbara Brussa

Nato martedì 7 luglio 1970 a Venezia (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Barbara Brussa

Disillusa

Era fatta di fragili respiri
e di sconfinati,
irraggiungibili voli di farfalla.
Vestiva di rosa
tutto il suo piccolo mondo,
e danzava su frammenti di parole
che parevano lucciole di magia.

Lei,
che non voleva il tuo cuore
ma il tuo batticuore,
a scandire il ritmo d'amore
sul tempo della vita.

Era così bella,
nella sua ingenuità che le dipingeva
arcobaleni negli occhi
e stelle cadenti nel cuore.

Dio se era bella...
prima che arrivassi tu,
a macchiare di nero i suoi sogni,
a sbavarle di amarezza le labbra,
ad allagarle lo sguardo di malinconia,
a cucirle addosso la consapevolezza
che esiste solo ciò che nel profondo si sente.

Disillusione.
Barbara Brussa
Composta mercoledì 13 agosto 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Barbara Brussa

    Lei era

    Si muoveva lenta
    col passo che affondava
    fin nel cuore delle emozioni

    Si crogiolava
    su consapevoli illusioni
    di malinconica sognatrice
    alla perenne ricerca dell'oltre
    in un mondo che viveva stretto
    confinato nel "solamente questo"

    Accovacciata su speranze
    sfumate nel nulla che avanzava
    dipingeva sul volto dell'amore
    i colori dell'anima

    Aveva un cuore un po' ammaccato
    Un cuore che rinasceva
    ad ogni pallido sorriso della vita
    Aveva nulla fra le mani
    ma l'immenso negli occhi

    Lei c'era
    in un mondo che non la (ri)conosceva
    ma con quegli occhi colmi d'immenso
    volava perennemente altrove

    No non le importava di esserci
    lei desiderava semplicemente
    essere.
    Barbara Brussa
    Composta martedì 28 ottobre 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Barbara Brussa

      Dal Sogno alla Realtà

      La pioggia mormora
      un eco remoto
      Solo nubi
      ad increspare
      il tessuto del cielo

      Dorme il sogno
      su polverosi guanciali
      da lacrime sgualciti

      Gli arcobaleni stingono
      ai bordi di noi
      Tramutano stelle
      in polvere d'oro

      Ti vedo
      oltre l'incanto
      Ti tocco
      oltre lo spazio
      Ti sento
      dentro nell'anima
      fuori sulla pelle

      E come farfalla
      che si posa sul fiore
      io ti mieto dalla terra dei sogni
      per seminare la magia di noi
      sulle azzurre iridi
      della realtà.
      Barbara Brussa
      Composta venerdì 25 luglio 2014
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di