Poesie di Barbara Brussa

Nato martedì 7 luglio 1970 a Venezia (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Barbara Brussa

Non è amaro, l'amore

Soffitta buia e polverosa, diventa il cuore.
Ricordi ingombranti accatastati sui muri,
a marcire germogli di felicità.

Ho bisogno di fare spazio,
aprire finestre sul mondo,
affinché la luce filtri.
Respirare magia, disintossica l'anima
dai veleni d'un passato ammuffito.

La felicità non si vende
al prezzo d'un malinconico sorriso...
Senza spesa si offre,
laddove il cuore sorriderà
d'un sorriso alle labbra sconosciuto.
Barbara Brussa
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Barbara Brussa

    Ritratto di donna

    Ci sono sere, in cui fisso così a lungo
    la mia immagine riflessa,
    da temere di vederla scomparire...

    Ci sono sere, in cui questo accade veramente.
    Poi, lentamente, l'immagine si ricompone.

    E ogni volta, noto una maggiore ricchezza di particolari.
    Con il passare degli anni, non vedo
    il mio volto invecchiare: lo vedo completarsi.

    Quasi fosse l'opera di un artista meticoloso,
    che non sarà contento ed appagato,
    fino a che non avrà realizzato esattamente
    ciò che aveva in mente.
    E per fare questo, ci vuole tempo. Molto tempo.

    Quell'immagine, alla fine, esprimerà
    la consapevolezza di essere, anche fuori,
    ciò che ha sempre sentito di essere dentro.

    E quando riuscirà a realizzare,
    e trasmettere, ciò che è nel profondo,
    quando riuscirà a dire tutto quello che sente...
    allora, sarà Libera. Allora, sarà veramente se stessa.

    Conserverà un alone di mistero
    per chi saprà solo guardarla, senza vederla.
    Come fosse realmente un dipinto...
    un'immagine statica, senz'anima.
    Barbara Brussa
    Composta mercoledì 1 novembre 2006
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Barbara Brussa

      Chantal

      Per nove mesi, sono stata il tuo guscio.
      Sono stata il tuo cibo, ho placato
      la tua fame e la tua sete.

      Poi, ho asciugato le tue lacrime
      con i baci più dolci che avessi.
      Ti ho insegnato a camminare, a parlare,
      ad esprimere i tuoi bisogni.

      Sono il tuo rifugio,
      la spalla sulla quale potrai
      sempre posare il capo,
      la mano che mai dovrai cercare,
      perché sarà sempre racchiusa sulla tua.
      Anche quando non la potrai vedere.

      Sono la tua inesauribile fonte d'Amore.
      La fonte dalla quale hai attinto la vita.
      Quella stessa vita che, ora, hai fatto tua.
      Al momento opportuno, ti aiuterò a saltare
      sul tetto del mondo.

      Cercherò di farti fare un centro perfetto,
      ma il resto sarà nelle tue mani,
      nella tua mente, e nel tuo cuore...
      Fanne buon uso, amore mio!

      A me basterà guardare
      la limpidezza dei tuoi occhi,
      e vedere il tuo sorriso, per capire
      che non avrò vissuto invano...
      Barbara Brussa
      Composta martedì 14 febbraio 2006
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Barbara Brussa

        Missing

        Piovono gocce
        di freschi ricordi
        in questo cuore
        malato d'amore

        Vernice antica
        di promesse sincere
        si stacca dai muri
        di un vissuto che nega

        Quanto freddo e quanta miseria
        in queste spoglie stanze
        in cui echeggia un "ti amo"
        che non trova presenza

        e vaga... vaga, alla ricerca
        di quella schiava d'amore, evasa
        al crepuscolo dell'ennesima assenza

        Non per libertà...
        ma per spirito di sopravvivenza.
        Barbara Brussa
        Composta martedì 28 settembre 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Barbara Brussa

          Introduzione

          Ho visto il vento accarezzare la terra,
          e foglie secche e calpestate levarsi in volo
          per danzare nel vento.

          Ho visto occhi leggermi nell'anima,
          e ho udito l'anima narrarmi storie silenti.

          Ho visto un Cavaliere e la sua Dama
          amarsi nell'oscurità, bramando la luce del giorno;
          infine, ho visto la luce del giorno
          esplodere nelle tenebre
          per accendere d'eterno il loro amore...

          Guardando con gli occhi del cuore,
          ho assistito alla magica metamorfosi
          che trasforma l'impossibile
          in realmente possibile.
          Barbara Brussa
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di