Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Venere
Ho voglia che i tuoi fugaci abbracci diventino qualcosa di più serio ed esplicito.
Ho voglia che i tuoi occhi mi guardino come non hanno mai fatto e che mi facciano capire quello che provi.
Ho voglia che col tuo sguardo tu possa entrare nel mio cuore e capire cosa vuoi da me.
Ho voglia che le tue mani mi tocchino come nessun altro mi abbia mai toccato.
Ho voglia che le tue labbra sfiorino le mie in un bacio infinito.
Ho voglia che il tuo cuore e la tua anima possa diventare un tutt'uno con la mia.
Semplicemente... ho voglia di te.
Vota la poesia: Commenta

    I

    Taci se vuoi che l'acqua ti ascolti,
    taci se vuoi che la terra ti dia una nuova speranza,
    ricordati che tu vali quanto loro,
    loro che sono la fuori,
    e che sembrano avere una vita così semplice,
    loro sembrano così forte,
    io sono così debole.
    Non entrare nel mio mondo,
    perché io non ti faro entrare,
    io ti tratterò come un cane,
    e tu, inteligente, te ne andrai.
    Non sentirmi abbandonata? è troppo difficile.
    A volte mi sento un cane, e il giorno dopo una donna
    Non c'è nessun uomo per cui sto soffrendo
    Ora soffro solo per l idea di me stessa
    e da sei giorni piango,
    e tu non ci puoi fare niente,
    perché tu non sei nella mia vita.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Assia & Niki

      All'improvviso...

      All'improvviso mi regali un sorriso,
      un tenero bacio e un caloroso abbraccio.
      Sono confusa credevo mi avessi dimenticata.
      Sei ritornato da me e non voglio sapere perché.
      Mi basta averti qui,
      stringerti fra le mie braccia,
      accoglierti dentro di me,
      fondere il mio corpo col tuo,
      in un interminabile abbraccio
      che profuma di un affetto sincero,
      che profuma di amore vero.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Ombra Nella Notte
        Rumeurs dans l'âme
        come l'acide, froid et grinçant bruit de train sur les rails, un bruit de limaille.
        Etranges présences sorties des brumes obscures, ou d'âbimes oubliées.
        Passagers involontaires de cette vie-voyage, contraints à la souffrance depuis la naissance.
        Vivre une vie pour arriver à la fin du voyage et devenir qu'un simple souvenir qui s'évanouit, s'estompe...
        De mon souvenir il ne resterà qu'une chanson sans paroles, une muette poésie, une émotion aux ailes brisées, un baiser jamais donnè, le blanc cristal salin d'un larme.
        Le voyage est fini, j'arrive à destination et je descend du train...

        Rumori nell'anima,
        come il freddo, acido sferagliare del treno sulle rotaie.
        Strane presenze uscite da brume oscure o da abissi ormai dimenticati.
        Passeggeri involontari di questa vita-viaggio costretti a soffrire sin dalla nascita.
        Vivere una vita e arrivare alla fine del viaggio per diventare solo un semplice ricordo che svanisce e che sfuma.
        Del mio ricordo non resterà che una canzone senza parole,
        una muta poesia, un'emozione dalle ali spezzate,
        un bacio mai dato, il bianco cristallo di sale di una lacrima.
        Il viaggio è finito, arrivo a destinazione e scendo dal treno...
        Composta sabato 26 febbraio 2011
        Vota la poesia: Commenta