Scritta da: martymina96

Il Natale...

Il Natale tante cose può significare:
per i più piccoli regali di Babbo Natale,
decorazioni d'oro e alberi luccicanti,
che in tutte le case sonveramente tanti;
per i più grandi è stare in famiglia, tutti uniti
per festeggiare con torte e canditi.
Una cosa è certa: è per amare
e stando tutti insieme va via tutto il male,
che si trasforma in pace e bontà
per ognuno di noi, che poi molto seguirà!
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anthony Porretta
    Così ti sei ritrovato da solo?
    Non hai più nessuno per ascoltarti?
    E non hai più nessuno per farti compagnia?
    Ok... perfetto.
    Posso dirti che sei molto fortunato
    perché ora hai tutto il tempo e tutta la libertà per sapere cosa vuoi veramente fare della tua vita...
    manda via questa angoscia della solitudine e respira profondo
    ascolta la tua voglia e lei ti ascolterà...
    e poi invita la saggezza così lei ti farà compagnia.
    Riflettici
    perché non sai ancora cosa ami per davvero nella vita
    non lo sai
    mai, mai, mai considerare ciò che non ti ama come qualche cosa che tu ami.
    Il tempo, se stesse, lo spazio... sono delle cose che non si devono mai sprecare
    allora avanti e dimentica il resto e vai alla ricerca di altri colori...
    perché il più grande dispiacere è di conoscere solo una parte delle possibilità quando invece ce ne sono un infinità
    questo è lo sforzo che può fare tutta la differenza.
    La differenza che ti può far trovare una strada che ti possa portare alla felicità.
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: F4B10Z
      In caduta libera,
      osservo,
      d'angelo le candide ali,
      di innata dolcezza.

      Spargo ceneri in volo,
      col cuore plumbeo,
      di persa speranza,
      e rinnovata paura.

      Tace, la collina,
      in dolce sonno sta,
      mentre poso il piede,
      in scosceso terreno.

      Dolce, la carezza sul tuo volto,
      tranquilla stai,
      con occhio chiuso e
      imperturbabile sonno.

      Nitida immagine,
      di utopia scorcio,
      nell'aere, impacciato,
      vivo.

      Al fianco del buio,
      poco sotto alla luce,
      io, muoio di te,
      in questa notte stellata.
      Anonimo
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Valentina

        All'amore mio

        Quanno che te vedo me se infiamma er core
        è n'esplosione de sentimenti, de felicità, de amore
        che pè te provo e che vorrei nun terminasse mai
        la vita mia senza de te nun la so vedè giammai.

        Da quella vorta che li sguardi nostri se sò incontrati
        li pensieri mia giorno pè giorno se sò infervorati
        sempre a te la mente annava, dicevo "è 'na follia"
        e invece me sò accorta che ormai ero in balìa
        de un dorce sentimento che da tempo nun provavo
        e che te m'hai risvejato... come hai fatto? Nun pensavo!

        Ma è inutile mo stasse a spiegà li motivi
        der fatto che io e te semo stati impursivi
        ar core nun se comanna, lo dice pure un proverbiale detto
        tutto da sé è venuto, in modo naturale... sì lo ammetto
        che 'n pochetto c'ho pensato ma è normale, semo umani
        "carpe diem" e io questo ho fatto, ho dato retta a li romani.

        Oggi poi me rendo sempre più conto de 'na cosa
        ma come ho fatto senza de te a passà 'na vita dignitosa?
        Boh nun me lo spiego proprio, è mejo che 'n ce penso
        ma l'importante è avette incontrato e volette un bene immenso
        io e te pe tutta la vita insieme, questo è er sogno mio
        quanto c'ho voja de amatte... ce lo so solo io.
        Anonimo
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di