Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Soul
Tra gli alberi, il vento in quel viottolo...
le foglie a velocità mi sfiorano la schiena...
quasi a spingermi, quasi a darmi uno stimolo in più...
è questo che penso, con gli occhi che non vedon più i passi...
le imploro il perdono e vado via...
è questo che penso... ma son già di ritorno...
l'orgoglio corre più del vento, più delle foglie che ormai hanno smesso pure di alitare...
e immobile ti penso...
vorrei ma... lottare è duro quando il mio nemico sono io stesso...
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Danilo Tu Lo Sai

    Il tempo della vita

    Giorno e notte a sognare quel sì,
    giorno e notte a sperare che tutto non finisse così,
    cinque mesi per rapirti un solo giorno per perderti,
    ho lottato e combattuto per averti
    ho lottato e combattuto per mantenerti,
    anche se non è servito sono orgoglioso di averti amato.
    Il quattro settembre un giorno che tutto ha lasciato andare
    e quel vento lungo il mare ha portato via il nostro amore.
    Un giorno impossibile da dimenticare, indelebile sarai
    non ti dimenticherò mai e poi mai.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Mare Onda

      Bianco

      Ali, tante ali, belle ali, bianche,
      Ali piccole, a volte tanto grandi,
      Ali senza forma, ali senza nascita,
      Ali con una vita, vuote, bianche,
      Ali su dei monti, alti e forti,
      ma i monti non ti fan vedere quel che c'è del vero, la verità non è sui monti,
      e il vero non è la vita, questa vita,
      ma dove, ovunque Ali, Ali sole,
      vivono in solitudine, disprezzate,
      il bianco è solo nell'anima,
      senza colori sono i pensieri, solo monti,
      Ali ormai chiuse, Ali ormai stanche.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: marianna

        Anima mia

        Ispeigabile follia la mia mente...
        un mondo invivibile dentro che preclude la mia pace...
        un mondo giudice fuori che mi ha reso insicura...
        Anima mia, sei tu la mia nemica?
        Tormento unico, persistente, che strazia il mio cuore stanco ormai di battere veloce, perennemente...
        Ci si cheide perché? Tante le risposte, le cause
        ma infine... il vuoto...
        Inetta in questi nuovi giorni,
        l'apice del nulla il mio pensiero di cui non posso fare più a meno... e ora cos'è cambiato?
        Nuove strade sembrano prostrarsi dinnanzi a noi, nuove occasioni... uniche... irripetibili...
        Ma Anima mia perché non mi consenti di viverle?
        Vota la poesia: Commenta