Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Anna De Santis

Sei già un ometto

Ricordo ancora quella mattina
che la tua mamma tornò sui suoi passi
a scuola non riusciva a stare e giunse prima.
Negli occhi aveva una nuova luce
già in quei giorni mi era sembrata strana
ma come ogni presagio
quella notizia mi giunse come prece
Io che desideravo ancora essere mamma
già diventavo nonna...
Il cuore mi premeva dentro
Il respiro non veniva fuori
la mia preoccupazione era
che ancora giovani non erano preparati
a fare i genitori.
Pensavo dentro me, un po' egoista, che la vita
mi aveva fatto un grande regalo
e già l'amavo.
Quell'esserino che non conoscevo
già lo immaginavo...
In quel momento ho avuto voglia di gridare
ma quello che sentivo a chi potevo confidare
troppo forte quel sentimento
che mi premeva dentro
mi son sentita un poco in colpa
potevo dirgli no!
Ma guardando te che ormai sei un ometto
penso proprio che benissimo ho fatto.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Tua sarò

    T'amo giurerò
    ma scioglimi da queste catene
    strette fino a soffocare
    non ti lascerò, tu vivimi tutta
    ed ogni mio silenzio
    varrà più di mille parole.
    Fammi respirare
    prova a tenere il sole tra le mani
    ti guarda e t'ama ma non lo puoi toccare.
    Scaldami ed accarezzami
    come solo tu sai fare
    ma poi lasciami andare
    quando avrò bisogno di pensare
    e quando il tuo desiderio chiamerà
    Io ci sarò.
    Non farmi affogare
    nel tuo mare d'amore,
    t'amo giurerò
    e quando la tua mano sfiorerà la mia
    ogni volta che tu lo vorrai
    io tua sarò.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Davanti a te

      Sono qui, davanti ai tuoi occhi
      che sempre ho sognato
      ti ho sempre amato e questo tu lo sai
      tremo e sento la tua voglia
      sento il desiderio, tutto quello che sei.
      Il tuo profumo, respiri contro me
      e le tue mani che scivolano via
      dove mai andranno, non ci voglio pensare
      la sola cosa che voglio ora
      è lasciarmi andare.
      Davanti a te
      che non sei più sogno,
      sentirti dentro con o senza cuore
      forse è solo voglia di provare
      se quel che sento è proprio amore....
      Fammi godere, ancora ed ancora
      stringimi e non lasciarmi andare
      sempre più forte è il desiderio e cresce
      qui voglio restare.
      Sei un fiume in piena
      ed io sono il mare
      vieni ti aspetto, ti sento arrivare.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Mi manchi

        Quando rivederti
        i miei giorni sono diventati interminabili
        manchi a queste mani
        alla mia bocca
        e la mia pelle è brivido
        dove tu sfioravi.
        So che ti è impossibile
        ma è nei tuoi pensieri
        quello di raggiungermi
        amarmi, stringermi,
        manco ai tuoi sospiri
        alle tue braccia
        alla tua voglia.
        Mi parli in quel telefono e lo sento
        Il desiderio è unico
        che le nostre vite unisce
        sarà per questo anelito
        sarà perché lontani
        ma dimmi che mi ami.
        Avrò la forza ancora, per aspettarti ora
        parlami dolcemente
        fallo intensamente
        forte, dentro, ti sentirò...
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          Aria sei

          Ancora ti respireranno
          quanti intorno a te
          ti avranno nelle gocce di pioggia
          nelle nuvole, nel sole.
          Sarai aria pura, sarai fiore
          sarai ferita che fa male
          sarai zucchero e sale
          sarai spruzzi di mare
          e trine e merletti da cucire
          sarai un racconto da finire
          le foto di un tempo
          sarai un bel ricordo
          nel cuore di chi ti ha conosciuto.
          Lascerai il segno sul viso dei tuoi figli
          e non si può cancellare
          sarai con tutti noi, si, aria da godere
          perché pulita, profumata
          finalmente libera di respirare.
          Una margherita sbocciata e colta
          poi pestata e che il dolore trasforma
          per questa terribile malattia.
          Ma tu sei rimasta sempre una fata
          una bella farfalla che non invecchia
          che non perde colore
          hai sparso per il mondo
          con la tua infinita dolcezza, il tuo amore.
          Vota la poesia: Commenta