Scritta da: Anna De Santis

la serpe e la Maria 2009

Un giorno de sole, ancora regazzina
Maria s'encammina presso er pozzo
che l'acqua nun ce stava alla cucina.

Cantando pe la via la poverina
je rimane bloccata la voce ar gargarozzo
na serpe nera come la pece
avanti je se fece:
me presento; io so er diavolo, piacere
se me stai a sentì
esaudisco ogni tuo volere.

Maria che sta cosa nun avea proprio capita
presto se ne fuggì da quella bestia
e tornò a casa tutta impaurita
senza manco l'acqua
che ner frattempo era tutta caduta.

Riprovò ad andare er giorno appresso
c'era sempre lui sotto quer masso
e l'aspettava, sto viscido animale
la piccola Maria se fece anima e coraggio
se avvicinò passo passo
e cor secchio pieno d'acqua lo tritò
quanno se fece male...

Vai via lasceme in pace, gridò
e se sur mio cammino presto ti rincontrerò
nun me farai paura
coi miei piedi te schiaccerò
e stavorta vorta nun te sarverai
bestiaccia immonda
na brutta fine farai
e finirai laggiù dove t'aspetta
di fuoco un onda.

La vergine s'è fatta poi Madonna
e pe rimannà agli inferi s'infame
schiaccia coi piedi er diavolo e l'affonna.
Anna De Santis
Composta nel 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Non ti sento

    Nella nostra casa
    ora diventata enorme
    vuota come non mai
    tutto dorme
    dove la musica accompagnava la tua voce
    anche questo cuore
    che patì tormento... tace
    Qui giace quello che è rimasto di te
    qualche fotografia
    sopra il pianoforte
    le pantofole vecchie
    una giacca buttata sul divano.
    Hai deciso così
    e te ne sei andato
    ora mi sembra strano
    ma non ti sento più.
    Questo è un momento
    che volevo evitare
    avevo paura ad affrontare
    ma il pensiero si arrende.
    Strappo come da lucertola
    la coda che non crescerà
    mai come prima
    più passa il tempo
    e più sarai un appendice
    che non riconoscerò.
    Fuori dal mio mondo ora sei
    eppure per te morivo
    non sento nemmeno il tuo profumo
    ho vissuto per farti crescere felice
    e troppo ho dato
    la mia vita, ed ora il cuore dice
    non sei più la stessa
    un vuoto... e nell'anima
    il perdono che non vuole uscire
    riuscirò a gestire questo mio rancore
    perché
    questo non avere niente, più niente di te
    mi fa morire
    ma tu non lo puoi capire...
    Anna De Santis
    Composta nel 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Bugia

      Riuscirai a scoprire
      cosa c'è di vero in questa bugia
      così sofferta che non volevo dirti
      ma la colpa è mia
      forse il pentimento sentirò nel vento
      me la ricorderà
      tutta la mia vita
      forse in questa farsa
      un giorno rivivrà.

      Ammettere l'errore
      di una notte insieme
      senza grande amore
      non mi salverà
      mai avrò più pace
      sempre quella voce dentro sentirò
      e sarà tormento
      dovunque andrò.

      Ora voglio amarti, farmi perdonare
      non stare a pensare
      e questo mi ferisce
      ma resterà sempre
      questo grande dolore
      per questo amore se poi finisce.

      Non te lo dirò
      si forse non lo so
      ma quando una bugia
      serve a non distruggere
      quello che c'è stato
      e quello che sarà, però...
      presto dimenticato
      ed io bugia sempre sarò.
      Anna De Santis
      Composta nel 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Sempre

        Sarai torto ammesso
        e ferita da rimarginare
        sarai lento scorrere del mare
        e sempre per tutto quello
        che ti ho concesso
        Il mio più grande errore.

        Sarai offese da dimenticare
        poche carezze da ricordare
        sarà stupore sapendoti felice
        quando io annaspo per non affogare.

        Da oggi controllerò ogni mio gesto
        sarò la donna che non hai conosciuto
        a testa alta mi rifarò presto
        dei lunghi giorni che non ho goduto.

        La mia vita riprenderà il suo corso
        sarà torrente in piena
        capace di travolgere
        non mi farò fermare
        e non avrò paura di arrivare.

        Tu avevi costruito argini
        per non farmi passare
        per avermi ogni ora
        per tormentarmi ancora
        ora che ho guadagnato la riva
        dopo le rapide
        Sono pronta... rivoglio la mia vita.
        Anna De Santis
        Composta nel 2009
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          La mia storia

          Nelle mie poesie troverai me
          la mia storia
          in frasi scritte
          ed in quelle solo pensate
          perché il coraggio non ho avuto.

          Ricordi che volevo mettere da parte
          cicatrici che fanno ancora male
          ma in quello specchio
          ci sono sempre io
          mentre il tempo passa
          sotto giornate di pioggia o sole.

          Forse ho sbagliato nel concedermi
          nell'amplificare i sentimenti
          nel riporre fiducia
          a chi non meritava
          sono qui a fare il mea culpa
          non volevo farmi dire brava....

          Nonostante tutta l'esperienza
          non riesco a cambiare
          agisco sempre in buona fede
          e metto al primo posto la speranza.

          Molto è scivolato sul mio viso
          ma qualche ruga segna ogni passaggio
          ho trovato alla fine
          un comodo posto
          e mi sono fermata
          non era certo il mio sogno
          mi sono adattata
          la vita spesso non ti fa scegliere
          come tu vorresti
          ma ti fa sognare ancora
          come potresti...
          Anna De Santis
          Composta nel 2009
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di