Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Brunason

Riflesso

Se ti mostri, strali attiri.
Alla luce ti riveli:
odi lodi ed improperi.

Senza posa accusatori:
tutti sanno cosa sei
con dovizia di consigli.

E un mistero ti rivelo:
ognun vede cosa fai
con occhiali strani assai.

E il tuo cuore, come dei,
ogni ora van scrutando:
come falchi leggon dentro.

Battiture, lividure:
nuovi panni, variopinti:
gialli, verdi, viola e blu.

Non ne posso proprio più!
Cento maestri ho ottenuto,
senza spesa son istruito.

Permette, cari belli,
una parola anche a me:
non sapete poi un granché.

Petulanti, assai saccenti,
indigesti e fastidiosi,
ma ignoranti e presuntuosi.
Composta sabato 2 aprile 2011
Vota la poesia: Commenta