Scritta da: Brunason

Sordità

"Non ce la faccio più!".
È un grido, è un gemito.
È un'invocazione.
È una supplica,
Una richiesta di aiuto
che mai nessuno ascolta.

È il silenzio, sai
che rende il mio dolore
infinito. Smisurato.
Senza fine.
Totale, devastante
Il tuo silenzio.

Dicono che il dolore sia sordo...
No, amico mio.
Il dolore ci sente.
Benissimo.
Ada Ferrante
Composta giovedì 3 marzo 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Brunason

    Pure pe' me

    Ariecchimeme,
    so' sempre quello.
    'N sarterello.
    Si voj, prendime.

    'Na vista d'aqquila,
    nun me sfugge gnente.
    Du' orecchi pronti e
    'na lingua tajente

    Me ne vado pe' ggioco
    tra la gggente a guarda'.
    Le mani 'n tasca,
    il passo svvelto.

    'N sorisetto birichino,
    scaltro assai,
    e puro 'n po' aguzzo.
    Aò: guai a chi je tocca!

    Fischjetto e canto
    a destra e a manca.
    Canzono e ciancio
    Co' questo e quello.

    Che ce voj fa'?
    A me me pjace troppo da parla'!
    So' bbono e caro
    Ma co' a lingua so' assai amaro!

    Che voj?
    No, no. Nun so' Pasquinio.
    Quello era mi' cuggino.
    E ce l'aveva solo co' i potenti.

    No, no.
    Jo me la rido un po' pe' tutti.
    Grandi, grossi.
    Bbelli e bbrutti.

    'Chè si voj ride', caro mio,
    ce n'è pe' tutti.
    Nun se ne sarva uno.
    Basta guarda' e ascolta'.

    Che me voj di'
    Puro pe' me?
    E come no?
    So' fforse 'n re?
    Ada Ferrante
    Composta giovedì 24 febbraio 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Brunason

      Riflesso (Gioco di specchi)

      Ti sei accorto che ti rimiri, pavone,
      in uno specchio?

      Ti guardi e ti sorridi.
      Perdutamente innamorato.

      A volte con cipiglio
      ti riprendi e ti strapazzi.

      Più spesso ti innalzi
      e lanci i tuoi strali.

      E voli sopra gli altri.
      Ignari e sprovveduti.

      Insulti, rimbrotti.
      Aggressioni e ritorsioni.

      Attento, narciso.
      T'affoghi pure te!

      Forse non te sei accorto:
      nessuno deve render conto a te!
      Ada Ferrante
      Composta giovedì 24 febbraio 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di