Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Il futuro è adesso, non domani." di Giampiero Piovesan


19
postato da , il
La realtà è come un enorme edificio sferico circondato da pareti impenetrabili, sulle quali si aprono infiniti cunicoli, fatti di fughe di porte e di stanze che, se percorse fino in fondo, conducono al suo centro: al centro della realtà.  Ciascuno di questi cunicoli è diverso dagli altri, ed attiene ai più diversi rami dello scibile e dell'esperienza umana...
     Ma per arrivare alla realtà non è necessario percorrere tutti i cunicoli: ne basta uno solo, purché sia percorso fino in fondo.
     Questo è possibile solo e semplicemente perché la realtà che si trova al centro della sfera, cioè la verità, siamo noi, e non qualcosa di diverso da noi.
     Non è dunque necessario ampliare la propria ricerca e la propria conoscenza, ma solo e semplicemente approfondirla: e senza possibilità di errore si arriva alla meta.
18
postato da , il
... A proposito, lo scienziato che scoprì e studiò i fatti di cui sopra si chiamava Benjamin Libet ed il libro che ne tratta si chiama " Mind time" " il fattore temporale nella coscienza".
17
postato da , il
La seconda riflessione (con un po di fatica me la sono ricordata) riguarda l' idea secondo cui i fatti del  presente siano conseguenza dei fatti del passato e che i fatti del futuro dipendano da quelli del presente.
A parte che una simile teoria non è dimostrabile ("non possiamo sapere  se esista qualcosa che non conosciamo" --Berkeley--) , ma anche ammettendola, se siamo in grado di fantasticare un numero sorprendente di fatti passati in grado di portare i fatti attuali allo stato in cui versano attualmente, ebbene siamo anche in grado di immaginare un futuro del tutto diverso da quello che ci dovremmo aspettare dai fatti che avvengono oggi.

Ok, ho finito la parte seria, ora  potreste ricordarmi che giorno è oggi e quale invece domani ?  :-)
16
postato da , il
A differenza della fisica che, attraverso le invenzioni, ha utilità per moltissime persone, la filosofia non ha alcuna utilità eccezion fatta per lo studioso e per chi, vicino allo studioso, può godere della sua continua crescita.
15
postato da , il
La grandezza della filosofia sta tutta li, nel riuscire a dilatare, ad ingrandire l' oggetto contemplato, ma non solo  questo risulta ingigantito, bensì, anche il  pensiero e talune volte le azioni di chi contempla ne escono accresciuti, e non si pensi che noi siamo ciò che di noi è possibile conoscere dai dati sensoriali, noi siamo proprio quei pensieri e quelle azioni.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti