Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Ira funesta Non Ti adirare Dio se spio nelle..." di Flavia Ricucci


31
postato da , il
Per questo (secol superbo) volgesti le spalle al pensiero (lume) che lo rivelò (il fè palese)
l'oggetto è il vero, con allusione in particolare alla filosofia dell'illuminismo – i vv. 80/83 richiamano quanto affermato nella citazione evangelica con cui inizia la lirica
e, mentre fuggi, definisci vile chi segue queste dottrine e magnanimo colui che esalta fino alle stelle la condizione umana, illudendo se stesso o gli altri e mostrandosi così astuto se inganna gli altri o folle se inganna se stesso.

Nota: La parafrasi non è mia, la condivido e per economia di tempo faccio copia incolla
30
postato da , il
Pino,
ognuno di noi ha un proprio punto di vista e ciò vale anche riguardo all'interpretazione del pensiero di Leopardi.
Mi ricordo che c'è stato un periodo della mia vita  che pur condividendo la visione  di Leopardi riguardo alla Natura matrigna ( mi riferisco alla critica ) associavo l'aspetto fisico al pessimismo. Oggi non penso che Leopardi avesse una visione dell'universo orientata alla m0rte e all'inganno. La chiave di lettura giusta, secondo il mio punto di vista, è "gli uomini vollero piuttosto le tenebre che la luce".
29
postato da , il
Sai Flavia, quando ero ragazzo (dal 65 al 70) ho abitato a cento metri dalla casa di Leopardi a Torre del Greco. Da lì il Vesuvio non è come da Napoli: è un cratere enorme che letteralmente incombe sulla testa. Ricordo che mio padre, spesso, sul terrazzo, lo guardava con timore, sussurrando: "lo sterminator Vesevo...".
      Quanto a Leopardi, devo dirti la verità: ho sempre provato per lui una pena terribile. Lo ritengo un grande, forse il più grande; ma ho sempre ripudiato la sua visione del mondo e della natura, e ciò non tanto per motivi razionali, ma per il semplice fatto che sono stato sempre portatore di una sensibilità diversa dalla sua, che mi conduce a vedere, oltre i veli della natura materiale e del tempo, un universo orientato al bello, all'eterno e alla gioia, e non avvolto in se stesso, in una ineluttabile prospettiva di inganno, di desolazione e di m0rte.
28
postato da , il
...e ho pensato e penso alle nostre illusioni.
Così canta Leopardi:

........A queste piagge
Venga colui che d’esaltar con lode
Il nostro stato ha in uso, e vegga quanto
È il gener nostro in cura
All’amante natura. E la possanza
Qui con giusta misura
Anco estimar potrà dell’uman seme,
Cui la dura nutrice, ov’ei men teme,
Con lieve moto in un momento annulla
In parte, e può con moti
Poco men lievi ancor subitamente
Annichilare in tutto.
27
postato da , il
Pino,
non so per quale motivo ho messo in analogia la Canzone di Murolo con la Ginestra di Leopardi, è che ascoltando le ultime notizie e leggendo SUSPIRANNO  ho visto il Vesuvio e ho ricordato i versi

Qui su l’arida schiena
Del formidabil monte
Sterminator Vesevo,
La qual null’altro allegra arbor né fiore,
Tuoi cespi solitari intorno spargi,
Odorata ginestra,
Contenta dei deserti.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti