Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Ogni arte ha la sua tecnica. Per scrivere..." di Giuseppe Freda


41
postato da , il
Elisabetta, se vuoi fare un ritratto devi essere prima un disegnatore che un pittore. Se sei nei campi e vuoi dipingere ciò che vedi devi conoscere le leggi della prospettiva. Idem se tenti di disegnare il busrto del Lucio Vero (nelle scuole di disegno si mette il busto di gesso al centro, e tutti intorno lo disegnano). Non ne parliamo del nudo. La Maya desnuda, o anche la Danae del Tiziano mica sono opere di fantasia: senza il disegno (dalla natura m0rta al gesso al nudo) puoi essere ispirato quanto vuoi, ma... non li "fai".
40
postato da , il
È qui che si può scrivere di tutto?
Sì? Bene, allora beccatevi questa lingua di cane!
Chi può fornire traduzione, si faccia vanti.
~~~
Poeti in rissa in osteria virtuale
Riportiamo un bellissimo scambio di omaggi e di invettive più o meno poetiche, frullanti una macedonia di lingue e di dialetti ebbra di spasmi, intercorso sulla bacheca del gruppo feisbucchiero La superbia punita ovvero Diciamo basta alla poesia mediocrefondato dal nostro colendissimo accademico Nicola Legatore da Pisa. Del signore che ha provocato la «cagnara» modifichiamo il nome in Pelusius, seguendo la lezione di Daniele Ventre. Partecipa anche Marco Palasciano, Presidente dell'Accademia Palasciania.
Raffaello Sorbi, Osteria a Fiesole (1889)
PELUSIUS
Bene-bene... infine gli eletti-censori-giudici... io che sono un poeta d'osteria me ne strafotto del vostro olimpo... preferisco la mer-da della vita comune all'asettico effluvio da pronto-soccorso che mi riempie le narici mentre "sento" le vostre auliche parolone!
LEGATORE
E simmetricamente io me ne strafotto della tua osteria e del suo sano effluvio di letame. Se questo posto non ti piace, vattene! (Ma chi l'ha invitato?)
PALASCIANO
Embè? embè? a Llegató, e cche è? che fine nce hai fatto fà alle tóie bbone manère? addò stammo? daddovèro drento a n'ostarìa? e ddàmoce nu tono; simmo li Olimpionici, nùie, o no? e cche ccacchio d'Olimpo famo mò, si ce mettìmo ad attaccà cagnara co li furastieri gnuranti? arricòrdate da addò ne venimmo; dietro di noi c'è tutta una cordata, che da Omero arriva all'Oulipò; e ti pare che Kafka si sarebbe inkafkato così? che Rabelais, arrabbliandosi, si sarebbe rabbassato a tanto? risollèvati, o frato mio, e racquieta l'acque inturbinate e intorbidate del tuo spirito; torna, deh, torna sulla dritta via, e lascia altrui menarsi all'osteria.
LEGATORE
A Palascià, lassame fà: spigni de qua, tira de là, s'à da aggiustà 'sta storia qua! O che tte ttu ti credi ch'i' m' lass' vuttà 'a lutamm' ncuollo dar primo o dar seconno che passa pe dde qqua? E nno! Me spiace! Diciamo pane ar pane e vvino ar vino! Mò quanno questi vèneno cor venèno ner core e se vonno sfogà
de quarche lloro frustrazzione amara,
    io li manno a accattarse na chitara
    ar paese da ndove so' vvenuti!
    Se n'èschino de qqua, e ttanti saluti:
    nun ce tórnino a rrompe li cojoni
    cor dì che semo caca-paroloni!
    E ddaje e ddaje, e shfutt' 'a mazzarella,
    m' shcass' u cazz' e 'a vott' i' na petrella!
    Poi nun v'allamentate si ve còce:
    n'ata vòta 'a tenìue 'n cuorp', 'a voce!
PALASCIANO
Ma il bon ton,
    ussignùr?
    sù, fa' il buon,
    Ligatùr!
    Fuori è ormai
    di controllo;
    qui son guai;
    io lo mollo.
LEGATORE
Quiètate, Palascià; me so' arripriso,
    cu na durmuta e na sciacquata 'e viso.
    Sulamente me resta stu vernacolo
    ibrido, intriso 'e vino e avanspettacolo,
    e forse restarrà pe qquarche iorno,
    ad alitarme mmocca e ttorno torno.
    Agge pacienza, primma o poi me passa;
    ll'ànema mia nunn è, nce 'o ssai, vaiassa.

    Chest'è la differenza tra 'o sapiente
    e chi nun se ne fotte 'e sapè niente:
    'o primmo sape pure 'e nun sapè,
    ll'ato crede 'e sapè 'a vita ched è;
    'o primmo può anche scendere dal monte
    Parnaso al piano, e all'osteria di fronte;
    l'altro può solo stare in osteria,
    ché del monte salir non sa la via.
PALASCIANO
Applausi! Applausi! Applausi! Applausi! Applausi!
    Legatore, che orgasmo che mi causi!
LEGATORE
Grazie! E a ffinì 'n bellezza, mano ar Chianti:
    un giro de bbevute a ttutti quanti!
PELUSIUS
Lasciando questa stanza
    brindo a comparanza
    mi sono divertito
    ritorno al mio partito
    di quelli poveracci
    che cantano mo-rtacci
    e se v'ho provocato
    chiamate l'avvocato
    ma quel che più mi piace:
    io sono contumace.
    Iu su de lu Salentu
    e comu dicu pensu
    e core tengu am' piettu
    vu tornu lu rispettu
    ca prima vja rrubbatu
    iu fiaccu e malfamatu.
    Però iu su sinceru...
    me stonu cullu mieru!
BUONAVITA A TUTTI
Dimenticavo: mi son veramente divertito a scatenare la "cagnara"... anche perchè in che modo avrei mai potuto godere della verve di Nicola e Marco?... grande rispetto, dunque... e scusate la presunzione.
PALASCIANO
Viva lu mieru che face ballare!
    Senza lu mieru no pozzu campà!
    Viva el signur che avviò la cagnara,
    senza la qual non cantàuimo qua!
    Viva fratel Ligatùr brontolìn!
    I tarallucci azzuppiamo nel vin!
LEGATORE
Viva! Ma tu nun me pòi far rimare
are con ara, diobòn, Palascià!
    Viva! Pacienza! Fernuta è ogne gara,
    viva la pace che l'è riturnà!
    Viva el Salento e el signur salentin
    che diè la stura ai mie' versi ed al vin!
VENTRE
Me l'avete fatto uscire dal cuore con tutto questo vespaio:

Ecce, ferox caupo Pelusius odit Olympum:
    fervida contemptos suscitat ira deos.
«Vim Bavii, socii, patimur: servemus Olympum»
Iuppiter adloquitur Marcius, «arma viris!»
Carmina mutantur: cauponia laudat Olympus:
    rident Volcani numina læta iocis.
    Instabilis vario casu vapulatur Olympus:
    tanta movet vates vana volubilitas!

Insomma, much ado for nothing...
39
postato da , il
Giuseppe del tuo pensiero sulle arti figurative nn sono d'accordo la tecnica è cosa diversa dalla conoscenza dell'anatomia. Lo spolvero è una tecnica ma per quanto riguarda il disegno meno... a meno che nn si copi. :O)
38
postato da , il
@ Prof.
Concordo quasi tutto quanto sopra   esposto.
Essendo una ''imbrattatele'' sono felice di aver evitato un suo 'morso'.
Ma Ligabue dove lo colloca ? Tra i pazzi ? Tra i geni ? Tra gli iperdotati ?
Mhà !
37
postato da , il
Una tavola può essere imbadita da molte pietanze,  a partire dalla semplice quanto gustosa pasta fagioli, al raffinato patè foie gras, ogni persona sceglie in base al proprio gusto. Ci sono frasi semplici talvolta "scontate", che riescono a trovare un grande pubblico, perchè scendono  giù come un bicchier d'acqua,  e poi ci sono frasi che meritano riflessione...dipende tutto dal momento che il lettore sta attraversando, dall'educazione ricevuta, da tanti elementi, età, sesso religione.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti