Questo sito contribuisce alla audience di

Frasi di Salvatore Currò

Guerriero della Luce, nato martedì 20 dicembre 1977 a Milano (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Poesie, in Umorismo, in Racconti, in Leggi di Murphy e in Proverbi.

Scritta da: Salvatore Currò
Non definire "equilibrato" colui che non eccede mai.
L'Equilibrio non è un immobile punto di mezzo.
È un oscillare perpetuo tra più estremi. La materia ci sembra stabile pur con elettroni che vi ruotano intorno, cosi come la luna è sempre stata nei nostri cieli senza fermarsi mai.
L'equilibrio è il movimento che è alla base della Vita dell'Universo.
Composta mercoledì 9 maggio 2012
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Salvatore Currò
    Riflessioni, banalità.
    Cosa rimane di un uomo quando non ha più sogni?
    Nulla di più e nulla di meno di un brancolante ammasso di carne.

    Inseguire il sogno è felicità, e la felicità è lo scopo, il senso di tutto quello che va oltre il semplice respirare.

    Bada bene, ho detto inseguirlo, perché l'uomo non si riscalda nella fiamma, ma vicino ad essa.

    Questa è la mia ricetta della felicità.
    Forse tu che leggi annuendo hai i miei stessi gusti. Forse.

    Però ricorda, prima di adottare questo o un altro consiglio: questa è la mia ricetta, mentre tu sei tu, è assomigli solo a te stesso.

    E adesso cerca di dormire, il risveglio ti attende.
    Composta mercoledì 13 luglio 2011
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Salvatore Currò
      Era giovane e bello, forte come una roccia e aperto alla vita, per questo attiro Lei.
      Lei che quando lo incontrò, lo avvolse, lo strinse forte a sé, e furono una cosa sola.
      Passava il tempo, e cominciarono a pensare al futuro, a come sarebbe stato bello avere dei figli che scorrazzassero in giro, ricambiassero il loro amore e magari, quando loro ne avessero avuto il bisogno, li sostenessero.
      E cosi, Pianeta Terra e madre Natura concepirono gli Uomini.
      Per millenni li cullarono. Madre Natura li nutriva al seno con ogni primizia che concepiva, mentre Pianeta Terra gli dava sostegno e li faceva crescere e giocare, mentre gli insegnava a essere autosufficienti.
      Però gli uomini crebbero, e, come tutti i figli, anche troppo in fretta.
      E cominciarono a prendere con cattiveria il cibo che la Madre gli avrebbe dato comunque, ferendola nel profondo.
      Ad asfaltare ed edificare per avere uno spazio che Pianeta terra non gli avrebbe mai negato.
      Pianeta Terra e Madre Natura sono stanchi, spesso si arrabbiano con gli Uomini, ma sperano sempre, da bravi genitori, che i figli inizino a rispettarli, soprattutto ora che sono vecchi e avrebbero bisogno delle loro amorevoli cure.
      Come finisce questa storia? Tutti speriamo in un lieto fine, ma dipende solo da noi...
      Composta mercoledì 22 giugno 2011
      Vota la frase: Commenta