Questo sito contribuisce alla audience di

Aforismi di Giuseppe Cutropia

Nato giovedì 18 gennaio 1979
Questo autore lo trovi anche in Poesie, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Giuseppe Cutropia
I fiori sono come le stelle, solo che brillano in terra. Entrambi regalano emozioni, una stella la contempli, ne contempli la luce in quelle notti buie, quella luce che spesso accompagna i nostri sogni, i nostri desideri, quei desideri espressi e rapiti da una stella cadente. Un fiore è capace di inebriarti con il suo delicato profumo, di incantarti con la sua delicata bellezza. Potresti anche coglierlo per donarlo, ma morirebbe. Preferisco donargli un nome, cosicché l'emozione possa vivere in lui. Preferisco che la brezza mattutina, ne trasporti il profumo, quel profumo che porta con sé un po' di quell'emozione. Preferisco che una piccola goccia di rugiada si posi su di esso con il primo raggio di sole mattutino, una goccia di rugiada, che verrà accarezzata dal delicato tocco di quei petali appena schiusi. Se potessi far sbocciare un fiore in cielo, la follia si impadronirebbe del mio cuore, una follia che porta con sé, la travolgente passione di un'emozione.
Composta mercoledì 9 settembre 2015
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Giuseppe Cutropia
    Scrivere di qualcuno è come donare una parte di sé, un frammento della propria anima. Significa dimenticare ciò che si sa, tutte le parole conosciute, per sostituirle con le emozioni del nostro cuore. Emozioni che dolcemente andranno a riempire ogni spazio della nostra mente. Significa liberare il proprio cuore da ogni schema, e far fluire tutti i nostri sentimenti in ogni singola parola. Scrivere di qualcuno, significa abbracciarlo con il pensiero, col cuore e per un attimo, averlo accanto. Scrivere di qualcuno, significa "semplicemente" amarlo.
    Composta sabato 12 settembre 2015
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Giuseppe Cutropia
      Quanto puoi essere povero, tu che giaci le notti sul ciglio di una strada. Quanta indifferenza da chi ti passa accanto, ignaro di chi tu sia, dei dolori che vestono la tua pelle. Tu che porti con te il peso di una solitudine sociale. Ma quanta ricchezza hai. L'amore di due occhi che ti osservano, senza mai giudicare. Due occhi che conoscono la tua anima, il tuo cuore, ignorando quell'involucro a cui spesso si dà così tanta importanza, il corpo. Due occhi che hanno visto nella tua povertà, la ricchezza del tuo cuore. Gli occhi di un amico sincero, a volte malinconici, ma sempre sinceri. Che comprendono i tuoi stati d'animo, che san leggere nella tua anima. Questi due occhi, che san parlare al tuo cuore, donandoti la ricchezza più grande: l'amore. Due occhi fedeli, che non conoscono l'ipocrisia, sempre riconoscenti anche per quel poco che tu potrai condividere. Grati per l'amore che tu gli hai donato. Gli occhi di un cane, un amico sincero. La ricchezza più grande che un uomo possa avere al proprio fianco.
      Composta sabato 12 settembre 2015
      Vota la frase: Commenta
        Scritta da: Giuseppe Cutropia
        Il sole sta sorgendo e lentamente i suoi primi raggi iniziano ad intiepidire la terra. Una leggera brezza giunge a me, portando con sé il profumo di quei campi, che si colorano con lo sbocciare dei fiori. Il silenzio lascia spazio al mormorio della vita, che lentamente si risveglia dal torpore della notte. Emozioni si affollano in me, portando il pensiero di te dritto al mio cuore. Il desiderio di poterti accarezzare, di poterti amare, hanno il sopravvento. Parole d'amore iniziano a fluire nel mio cuore, quasi a volerlo scuotere. Ed io, io sento il bisogno di dirti che tutte queste emozioni che provo, portano il tuo nome. Vorrei urlarlo al vento, ma poi penso che le parole dette, possono regalarti determinate emozioni, ma quelle sussurrate nel vento del desiderio, ti fanno sognare. Quindi amore mio, chiudi i tuoi occhi, e senti questa brezza mattutina che dolcemente accarezza il tuo viso, mentre ti sussurra questo "ti amo" che le ho consegnato, affinché potesse giungere fino al tuo cuore.
        Composta venerdì 11 settembre 2015
        Vota la frase: Commenta