Se ti lancio un sasso non schivarlo lasciandolo depositare sul fondale e permettendo al livello del mare di aumentare impercettibilmente. Se ti lancio un sasso prendilo al volo con la mano e rilanciamelo contro, inondandomi, travolgendomi, stordendomi... ma senza trattenerlo perché potrebbe ustionarti e se rilanciato quando s'è raffreddato il sasso avrebbe un peso ed una durezza maggiori. Voglio essere libera di non pormi limiti, voglio bersagliarti di pensieri sommergendoti in un flusso incessante di controcorrenti perché l'acqua trattenuta permane e fa il calcare mentre l'acqua lasciata libera di scorrere alliscia. Perciò, se ti offendo non offenderti, offendimi ché non mi offendo.
Federica Astolfi
Composta mercoledì 7 luglio 2010
Vota la frase: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di