Commenti a "Come aghi magnetici ci orientiamo verso ciò..." di Giulio Pintus


11
postato da , il
Giulio nella disgrazia dell'indigestione c'è  almeno un lato positivo ? Voglio dire almeno un braccialetto sei riuscito a ricavarlo?
10
postato da , il
Miriam , ho appena superato un periodo abbastanza difficile conseguente all' ingestione ,del tutto volontaria :-)), di molluschi bivalvi crudi,  quindi trovo il tuo commento del tutto appropriato, nonostante non so dirti precisamente se sia un bene o meno l' aver vomitato delle perle :-))
9
postato da , il
Il rapporto ottenuto dalla proporzione proposta come esempio chiarificatore del senso della frase nel commento #2 e nel commento #8 è più che proporzionale .
La bussola umana infatti non giace su un piano bidimensionale  , ma vi sono almeno tre dimensioni spaziali più una temporale; una bussola sferica che indica una precisa traiettoria  nello spazio ed attraverso il tempo . Credo sia chiaro a tutti quanto sia difficile calcolare , indicare e raggiungere il bene.
Inoltre è errato pensare che la bussola indichi il nord , infatti ciò che indica l' ago magnetico è il nord-sud e lo si può facilmente osservare in qualunque posizione al mondo all' infuori del polo nord e del polo sud, dove l' ago magnetico ruoterebbe come impazzito. Per questo - tornando alla frase- anche il bene ed il male, sembrerebbe che, per poter essere osservati con una certa obbiettività   occorra essere tra i due  punti topografici ( tra il bene ed il male ) , e non su uno o sull' altro , nè ESSERE l' uno o l' altro.
8
postato da , il
Perbacco !  qui non vedo preti ... spero !
7
postato da , il
Appunto Vincenzo, visibile non assoluto. In astronomia si sono già sfatati parecchi miti perchè non pensare che l'unicità
dell'uomo inteso come essere vivente sia una prerogativa di pensiero dell'uomo stesso ?   Ma quì chiaramente andiamo fuori
tema. la bussola di Giulio punta il bene a  nord, ma la terra gira, quindi il nord non può essere un punto fisso costante ma
relativo. Così come il bene e male è relativo alle variabili dell'individuo io mi affiderei più all'istinto tipo bagnare un dito ed esporlo
ai venti per capire la direzione giusta o guardare le stelle, insomma anche la bussola a volte può perdere la bussola!

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti

Questo sito contribuisce alla audience di