Commenti a L'amore che voglio di Giuseppe Freda


23
postato da , il
Anche perché, pur quando si comincia così, è un attimo e si va a finire a pesci in faccia. Figurati poi quando si comincia nelle titubanze dell'inespresso, negli equivoci di propositi inconfessabili, o nei meandri di bizantine reciproche analisi psicologiche...   : (
    Grazie del gradito commento.
22
postato da , il
Mi fa sempre piacere trovare la bellezza nella semplicità...e nella gioia. Troppe poesie tormentate ahah
21
postato da , il
Ti ringrazio molto,Marco, delle tue belle parole.
Ti sei dunque  reso conto che le mie "critiche", svolte nel commento alla tua poesia, erano esclusivamente motivate da un esame approfondito volto a svolgere bene il "lavoro", a trovare il pelo nell'uovo; e in verità non so se vi sono riuscito.
In qualsiasi momento, un tuo commento, anche critico, e anche iper-critico, sarà graditissimo in tutti i miei scritti.
Un caro saluto, e - naturalmente - ad maiora !!  : )))
20
postato da , il
Caro Giuseppe, ho letto con molto piacere il tuo commento e ho apprezzato l'analisi completa e precisa, per quanto riguarda "La cruna dell'ago". Con tutta sincerità, la soddisfazione più grande è stata quella di leggere i vostri commenti, il tuo in primis, perché oggetto di un'attenta e sincera esamina della stessa. Sono sicuro che le tue parole mi aiuteranno per migliorare in futuro.
Per quanto riguarda il miracolo, hai ragione, sono stato il primo a meravigliarmi per essere arrivato in finale ma sono felice, perché oltre ai tuoi, ho ricevuto i complimenti da Silvana Stremiz e Barbara Brussa che seguo sempre con piacere e che ritengo tra le migliori, in assoluto.
La tua poesia è bellissima, l'avevo già apprezzata precedentemente, senza sapere chi fosse l'autore. Non sono all'altezza di analizzare il tuo componimento ma... la poesia è la voce del cuore e tu, sei riuscito a dargli la parola.
Complimenti e spero di leggerti ancora, sia con le poesie che con i commenti. Ciao da Marco
19
postato da , il
Voi parlate e componete con paroloni, ma a che servono grandi parole quando si scrive dell'amore se questo nasce dal cuore? Un "Ti amo" ha per forza bisogno di tante parole ricercate? "L'amore che voglio" è bella perchè semplice, spontanea, parole nate da un cuore innamorato e non per fare colpo su di una giuria.Siamo in un mondo troppo materialistico, tutto ciò che facciamo è solo per inseguire la gloria, scriviamo solo per sentirci dire bravi, per vincere un concorso, imbrattiamo tele senza senso solo per vendere di più. Ma la semplicita', la spontaneità, il cuore in tutto questo, che fine hanno fatto? Detto ciò, devo dire che mi sento veramente ignorante leggendovi, anche se, non mi vergogno dei miei piccoli scritti, perchè sono nati da un'emozione del momento, con semplictà e cuore, anche senza tante parole ricercate. ( Scusate la mia intromissione)

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti

Questo sito contribuisce alla audience di